Il 2017 è stato ancora un anno difficile per l’artigianato italiano | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il 2017 è stato ancora un anno difficile per l’artigianato italiano

A soffrire maggiormente sono stati i settori tradizionali (l'edilizia e la manifattura, in particolare) anche se non mancano segnali di ripresa
di Redazione

Quanto registrato da Unioncamere e InfoCamere – il 2017 si è chiuso con un saldo negativo tra le piccole e medie imprese artigiane rispetto all’anno precedente – certifica che le difficoltà della crisi economica non sono svanite completamente. Anche se non mancano degli aspetti positivo.

Nel complesso, secondo i dati diffusi da Unioncamere e InfoCamere sull’imprenditoria artigiana a partire dal Registro delle Imprese delle Camere di commercio, il 2017 si è chiuso con 11.000 imprese artigiane in meno rispetto al 2016, si tratta di un numero elevato, ma comunque il più basso da cinque anni. La performance conferma, accentuandola, la tendenza al recupero registrata a partire dal 2014.
L’analisi osserva che a soffrire maggiormente sono i settori tradizionali: alla fine del 2017 le imprese nell’edilizia erano l’1,4% in meno rispetto alla fine dell’anno precedente – il comparto ha perso oltre 7mila unità, un dato migliore rispetto alle oltre 10mila aziende edili che hanno chiuso nel 2016 – quelle della manifattura l’1,5%. Le cose sono andate meglio a quelle dei servizi, cresciute del 3,6% su base annua.
Qualche segnale positivo non manca: tuttavia se le cessazioni di impresa si attestano sul minimo del decennio (92.265 unità), risulta in calo anche il numero di quanti decidono di intraprendere una attività artigiana (80.836). Dal 2012 quando l’anagrafe artigiana segnava un 1,4 milioni di imprese, ad oggi si registra una diminuzione dello stock di oltre 110mila unità, con una riduzione complessiva vicina all’8%, oltre 1 punto percentuale in media all’anno.
Lo studio analizza anche la «geografia dell’Italia artigiana»: nel 2017 tutte le macro-aree del Paese hanno fatto registrare una diminuzione dello stock delle imprese, in una forchetta compresa tra le -2.500 imprese del Nord-Est e le oltre 3.500 del Mezzogiorno, ma tutte in miglioramento rispetto ai dodici mesi precedenti.

 

Scrivi una replica

News

Dl Dignità, Di Maio: «La fiducia? Spero di no»

«Spero di no, però mi aspetto, e questo lo auspico, perché il Parlamento è sovrano, che ci sia un atteggiamento costruttivo sulle modifiche. Se poi…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Alessandro Rivera sarà il prossimo direttore generale del Mef

Alessandro Rivera sarà il nuovo direttore generale del ministero del ministero dell’Economia. Lo riferisce l’agenzia Reuters, citando «tre fonti vicine alla situazione». Ha 47 anni…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inps, Di Maio: «Boeri? Non ho il potere di rimuoverlo»

Il presidente dell’INPS «Boeri? Io non ho il potere di rimuovere questa persona: o scade oppure resta lì». Lo ha detto il vice premier Luigi…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cdp, Fabrizio Palermo nuovo amministratore delegato

Fabrizio Palermo è il nuovo amministratore delegato di CDP, la Cassa depositi e Prestiti. Lo riferisce l’agenzia di stampa Reuters, citando «tre fonti vicine alla…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia