Perché Donald Trump vuole rientrare (o forse no) nel Tpp | T-Mag | il magazine di Tecnè

Perché Donald Trump vuole rientrare (o forse no) nel Tpp

Ne è uscito perché convinto che avrebbe danneggiato gli Stati Uniti. Adesso, però, potrebbe decidere di fare un passo indietro, venendo meno a una delle sue principali promesse fatte in campagna elettorale
di Mirko Spadoni

All’annuncio – venerdì Trump ha dichiarato (inaspettatamente) che gli Stati Uniti sarebbero rientrati a far parte del Tpp, il Trans Pacific Partnership, l’accordo di libero scambio con i Paesi che si affacciano sul Pacifico – è seguita una precisazione. Poche ore dopo Trump ha specificato che il ritorno degli Usa nel Tpp sarà possibile solo ad una condizione: l’accordo deve rivelarsi «decisamente migliore rispetto a quello offerto al presidente Obama», ha spiegato su Twitter. «Abbiamo già accordi bilaterali con sei delle 11 nazioni che aderiscono al Tpp e stiamo lavorando per giungere a un accordo con il principale di quei Paesi, il Giappone, che ci hanno colpito duramente per anni dal punto di vista commerciale».

Trump ha ereditato il Tpp dalla precedente amministrazione. Realizzandolo, Obama intendeva unificare commercialmente un’area economicamente (molto) rilevante. Qualche numero: dodici le economie coinvolte – tutti i Paesi che si affacciano sul Pacifico a cui è riconducibile il 40% del Prodotto interno lordo globale, fatta eccezione per la Cina –, 800 milioni le persone interessate. L’esclusione di Pechino dall’accordo era coerente con uno degli obiettivi principali dell’amministrazione Obama: isolare la Cina economicamente e politicamente. Per riuscirci, però, era necessario stringere forti legami con i Paesi del Pacifico.
Alla politica obamiana di contenimento della Repubblica popolare, materializzatasi con il Tpp, il governo cinese ha reagito annunciando nel 2013 le cosiddette Nuove Vie della Seta – in inglese: One-Belt-One-Road –, con lo scopo d’intensificare i legami economici e politici con i Paesi dell’Asia centrale e meridionale e con l’Europa. L’uscita dal Tpp è stata una delle prime decisioni prese da Trump. Anche dopo il passo indietro degli States, i restanti undici Paesi coinvolti nel piano iniziale non sono rimasti a guardare: grazie soprattutto all’impegno del Giappone, ovvero il Paese che avrebbe ottenuto i maggiori benefici dal contenimento della Cina, hanno firmato un nuovo trattato – il Comprehensive and Progressive Agreement for Trans-Pacific Partnership, sottoscritto l’8 marzo del 2018 a Santiago del Cile –, riprendendo alcune parti del Tpp.

Il Tpp prevedeva l’abolizione (o la parziale riduzione) di molte tariffe doganali per favorire gli scambi commerciali nell’area: complessivamente sarebbero state interessate oltre 18 mila tariffe. Una volta ratificato dai Parlamenti dei Paesi coinvolti, l’accordo prevedeva anche l’introduzione di nuove regole sugli investimenti, sul lavoro e sull’ambiente. A Trump, però, il Tpp non è mai piaciuto – al pari di molti altri accordi di libero scambio, come il NAFTA, che lega Stati Uniti, Canada e Messico –, sostenendo che rappresenta un rischio per l’occupazione negli Stati Uniti: agli accordi di libero scambio, Trump ha sempre ammesso di preferire gli accordi bilaterali. Tuttavia le recenti tensioni commerciali con la Cina potrebbero indurlo ad un passo indietro sul Tpp.

 

Scrivi una replica

News

Arresto Marcello De Vito, Di Maio: «Fuori dal Movimento 5 Stelle»

«Marcello De Vito è fuori dal MoVimento 5 Stelle. Mi assumo io la responsabilità di questa decisione. Quanto emerge in queste ore, oltre ad essere…

20 Mar 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cina: «In Italia il dibattito è inevitabile»

«Nel processo di sviluppo della nuova Via della Seta, è inevitabile si possano incontrare alcune incomprensioni e anche dubbi». Lo ha detto il viceministro degli…

20 Mar 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Londra: «May non chiederà una proroga lunga»

«La premier Theresa May non chiederà una proroga lunga” per la Brexit. C’è modo di dare al Parlamento un po’ più tempo per concordare i…

20 Mar 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Tassazione immobiliare nel 2018 vale 40 miliardi di euro

Stando alle parole del direttore dell’Agenzia delle Entrate, Antonino Maggiore, «la tassazione immobiliare nel 2018 si può stimare in 40 miliardi di euro. Le imposte…

20 Mar 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia