Il falso mito dei giovani startupper | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il falso mito dei giovani startupper

Da uno studio americano emerge che l'età media di chi avvia un'impresa innovativa è di 41,9 anni. In Italia non è molto diverso...
di Silvia Capone

Quando si parla di startup le si associa ad un luogo di lavoro informale, con a capo nerd intraprendenti e soprattutto molto giovani. Siamo stati abituati a questo stereotipo dai tanti startupper che poco più che ventenni creavano aziende partendo da idee innovative. Gli studi sulle imprese innovative, però, sfatano questo mito: da una recente indagine condotta da un gruppo di ricercatori americani della National Bureau of Economic Research, emerge che gli startupper hanno un’età media di 41,9 anni, che sale a 45 se si prendono in considerazione i fondatori di startup di successo con crescita più alta. Secondo la ricerca, sono quindi i fondatori più “maturi” a creare aziende con maggiori tassi di crescita, questo è attribuibile al capitale aggiunto apportato dall’esperienza come fonte di successo, anziché la giovane età.

Per quanto riguarda l’Italia la situazione, molto simile, è stata analizzata nella ricerca Startup Survery 2016, condotta dall’Istat e pubblicata dallo stesso istituto statistico nel febbraio di quest’anno, secondo cui l’identikit dello startupper corrisponde a quello di un uomo, nell’82% dei casi, con un’età media di 43 anni, solo il 26,5% ha meno di 34 anni.

In particolar modo, la maggior parte dei fondatori (l’87%) ha avuto una precedente esperienza professionale, a testimonianza del fatto che avere maturato precedenti occasioni di lavoro sia da considerare uno strumento opportuno per avviare imprese innovative. Un’altra caratteristica che accomuna i soci delle startup è l’alto livello di formazione, il 96% conosce almeno una lingua straniera e di istruzione infatti quasi il 73% di loro ha conseguito almeno una laurea, in campo economico o ingegneristico, e il 16% ha conseguito un dottorato di ricerca. Nello specifico le startupper donna risultano avere un livello di istruzione più alto: quasi il 79% ha ottenuto almeno una laurea e il 21% ha concluso il suo percorso di studi con un dottorato. Nel campione dei 4.363 soci operativi presi in considerazione dalla ricerca, le donne, che rappresentano però solo il 18% del totale, sono impegnate soprattutto nei settori della Ricerca e sviluppo, Consulenza gestionale, Commercio e Design specializzato, contro una concentrazione di uomini nel settore dei Software, dei Macchinari, dell’Architettura e dell’Ingegneria.

GALASSIA LAVORO

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, Draghi: «Economia più debole del previsto, stimolo significativo ancora necessario»

«A dicembre abbiamo deciso di mettere fine» al Quantitative easing, «fiduciosi che la convergenza dell’inflazione verso l’obiettivo sarebbe progredita». Contemporaneamente «i recenti sviluppi economici sono…

15 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, Juncker: «Durante la crisi del debito c’è stata dell’austerità avventata»

Durante la crisi del debito «c’è stata dell’austerità avventata, ma non perché volevamo sanzionare chi lavora e chi è disoccupato: le riforme strutturali restano essenziali».…

15 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: permessi di costruire in calo nel secondo trimestre del 2018 (-2% congiunturale)

Nel secondo trimestre del 2018 si stima che i permessi di costruire relativi al comparto residenziale registrino, al netto della stagionalità, una diminuzione congiunturale del…

15 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ecotassa, Manley (FCA): «Il piano di investimenti va rivisto»

Parlando dal salone dell’auto di Detroit, l’amministratore delegato del gruppo FCA Mike Manley, ha avvertito che, alla luce del nuovo regolamento introdotto dal governo italiano…

15 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia