Carta o contanti? Come pagano gli italiani | T-Mag | il magazine di Tecnè

Carta o contanti? Come pagano gli italiani

Secondo l’Osservatorio mensile di Findomestic, il 75% degli italiani preferisce i pagamenti elettronici
di Redazione

Secondo l’Osservatorio mensile di Findomestic, realizzato in collaborazione con l’istituto di ricerca Doxa, il 75% degli italiani preferisce i pagamenti elettronici nei negozi fisici, percentuale che scende al 39% se si considerano i soli acquisti con importo minore di 5 euro. In particolar modo il 38% di coloro che preferiscono le modalità elettroniche utilizza più spesso il bancomat (con una differenza tra il 41% delle donne contro il 35% degli uomini), il 26% la carta di credito, metodo preferito invece dagli uomini, mentre l’11% utilizza maggiormente le carte prepagate. Secondo la provenienza geografica invece il bancomat è preferito nel 44% dei casi nel Nord Est, contro una media di scelte del 29% tra Sud e Isole. Tra le motivazioni che portano ad utilizzare le carte elettroniche al primo posto compare la comodità dello strumento, per il 54% degli intervistati, soprattutto perché permette di andare in giro senza contanti, mentre il 22% lo reputa un metodo di pagamento sicuro.

Al contrario la questione sicurezza del sistema di pagamento è ciò che fa scegliere al 15% degli intervistati le banconote, mentre il 27% li preferisce perché esenti da commissioni, e il 54% ritiene di riuscire a controllare e quantificare meglio le proprie uscite. Il pagamento tramite contanti continua ad essere la modalità preferita dal 25% degli intervistati, i più tradizionalisti rimangono i giovani tra i 18 e i 24 anni, nel 52,3% dei casi, e i residenti al Sud dove la percentuale sale al 31%. All’ipotesi che “In Italia tra cinque anni pagheremo solo con denaro elettronico” l’11% è convinto di no, il 32% risponde che probabilmente in un lustro il contante non scomparirà, mentre per il 41% probabilmente sì. Potendo però guardare ad un futuro meno immediato e potendo scegliere la modalità di pagamento, quasi la metà degli intervistati sarebbe favorevole alla lettura dell’impronta digitale, l’11% alla scansione dell’iride, il 5% al riconoscimento facciale e il 3% sarebbe addirittura disposto a farsi impiantare un chip sotto pelle. Tra i metodi di pagamento digitali, il 35% afferma di utilizzare l’app della propria banca, il 23,5% l’applicazione di Postemobile, seguita da Apple Pay, 23,3%. Nonostante le ostilità che una parte degli intervistati ancora manifesta, il pagamento digitale è in ascesa e viene utilizzato anche e soprattutto, com’è stato per 15 milioni di italiani, per le spese compiute durante le vacanze proprio per la comodità di non possedere grandi somme di contanti e per la facilità in caso di viaggi in paesi con una valuta differente.

 

Scrivi una replica

News

L’agenzia Moody’s taglia il rating dell’Italia a Baa3

L’agenzia Moody’s ha tagliato il rating dell’Italia a Baa3 (da Baa2, con outlook stabile), si tratta del gradino appena sopra il livello spazzatura. La decisione…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Salvini: «Il governo va avanti, però la pazienza ha un limite»

«Il governo va avanti, certo, ci mancherebbe altro. Però la pazienza ha un limite. Adesso finire come Lega in mezzo alle beghe dei Cinquestelle, no.…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conte a Mosca il 24 ottobre per incontrare Putin

«Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte sarà a Mosca il 24 ottobre e incontrerà il presidente della Federazione russa Vladimir Putin e il primo ministro…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Martina: «La manovra va tutta corretta. L’Italia sta rischiando grosso»

«La manovra va corretta in modo radicale. Conte dice che la manovra è bella, ma sono senza parole: c’è un limite a tutto». Lo ha…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia