In Europa investimenti ancora sotto i livelli pre-crisi | T-Mag | il magazine di Tecnè

In Europa investimenti ancora sotto i livelli pre-crisi

Secondo Eurostat tra il 2007 e il 2017 il rapporto tra investimenti e Pil è diminuito in 24 Stati UE su 28
di Redazione

Uno dei tanti esempi utili a capire l’andamento economico altalenante degli ultimi anni, pur in un contesto di ripresa, è il calo degli investimenti rispetto al periodo pre-crisi che si registra a livello europeo, nonostante la risalita.

In un anno gli investimenti totali degli Stati membri dell’Unione europea – sia nel settore pubblico sia in quello privato – ammontavano a quasi 3.100 miliardi di euro, rileva Eurostat. È stato il settore delle costruzioni a rappresentare circa la metà di questi investimenti, con macchinari, attrezzature e sistemi di armamento (31%) e prodotti di proprietà intellettuale (19%). Quest’ultima categoria ha messo a segno il maggiore aumento in proporzione all’investimento totale.

Nel complesso, così arriviamo al confronto con il periodo pre-crisi, gli investimenti totali sono stati pari al 20,1% del Pil nel 2017, in diminuzione dal 22,4% di dieci anni fa, -2,3 punti percentuali. Il calo degli investimenti è tuttavia più evidente nell’area dell’euro: dal 23,2% nel 2007 al 20,5% nel 2017 (-2,7 punti percentuali). Tra gli Stati membri dell’UE, nel 2017 gli investimenti hanno rappresentato un quarto del Pil nella Repubblica Ceca (25,2%) e in Svezia (24,9%). Mentre Estonia (23,7%), Austria (23,5%), Irlanda (23,4%), Belgio (23,3%), Romania e Finlandia (il 22,6% per entrambi) e Francia (22,4%), hanno tutti registrato tassi di investimento superiori al 20% del Pil.

E l’Italia? Il nostro paese si colloca nell’altro gruppo, quello che ha registrato livelli sotto il 20%. Se il dato più basso si registra in Grecia (12,6%), anche Portogallo (16,2%), Regno Unito (16,9%), Lussemburgo (17%), Italia (17,5% ) e Polonia (17,7%) hanno evidenziato trend ak di sotto della media europea. Ad ogni modo, tra il 2007 e il 2017, il rapporto tra investimenti e Pil è diminuito in 24 Stati UE su 28.

Nel corso del decennio osservato dall’Eurostat, il calo maggiore si è verificato in Lettonia (19,9% nel 2017 quando era il 36% nel 2007, -16,5), Grecia (-13,4), Estonia (-12,9), Romania (-12,5), Spagna (-10,4), Slovenia (-10,3), Lituania (-9,8) e Bulgaria (-9,1). Al contrario, il rapporto è lievemente cresciuto tra il 2007 e il 2017 in Svezia (dal 23,9% del Pil nel 2007 al 24,9% nel 2017, +1), in Austria (+0,6) e Germania (+0,2). Stabile in Belgio (+0,1).

(fonte: Eurostat)

 

Scrivi una replica

News

L’agenzia Moody’s taglia il rating dell’Italia a Baa3

L’agenzia Moody’s ha tagliato il rating dell’Italia a Baa3 (da Baa2, con outlook stabile), si tratta del gradino appena sopra il livello spazzatura. La decisione…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Salvini: «Il governo va avanti, però la pazienza ha un limite»

«Il governo va avanti, certo, ci mancherebbe altro. Però la pazienza ha un limite. Adesso finire come Lega in mezzo alle beghe dei Cinquestelle, no.…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conte a Mosca il 24 ottobre per incontrare Putin

«Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte sarà a Mosca il 24 ottobre e incontrerà il presidente della Federazione russa Vladimir Putin e il primo ministro…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Martina: «La manovra va tutta corretta. L’Italia sta rischiando grosso»

«La manovra va corretta in modo radicale. Conte dice che la manovra è bella, ma sono senza parole: c’è un limite a tutto». Lo ha…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia