In che modo il mercato del lavoro sta cambiando fisionomia | T-Mag | il magazine di Tecnè

In che modo il mercato del lavoro sta cambiando fisionomia

Negli ultimi dieci anni si è registrato soprattutto l'incremento dei contratti a termine, mentre quelli a tempo indeterminato hanno messo a segno una crescita più contenuta. Un confronto con il resto d'Europa
di Fabio Germani

Ad aprile si è registrato il record di occupati in Italia, secondo le ultime rilevazioni Istat. Siccome perlopiù la crescita delle persone occupate interessa i dipendenti a termine (mentre risultano in diminuzione quelli a tempo indeterminato), la politica ha commentato gli ultimi dati ognuno portando acqua al proprio mulino. Dall’ex presidente del Consiglio Matteo Renzi – con il solito riferimento al Jobs Act – al neoministro dello Sviluppo economico e Lavoro, Luigi Di Maio – per il quale il Jobs Act va invece rivisto perché crea troppa precarietà – il passo, insomma, è breve. Da un lato si può affermare che il Jobs Act ha fallito uno dei suoi obiettivi prioritari: restituire centralità ai contratti a tempo indeterminato. Dall’altro lato l’incremento di lavoro instabile non è conseguenza diretta del solo Jobs Act. Più verosimilmente, va considerata l’ipotesi che il mercato del lavoro, in generale, è in trasformazione (e l’Italia non fa eccezione in questo senso) e che numerose variabili concorrono a modificarne la fisionomia, oltre all’impianto normativo. Tra queste l’impatto tecnologico, la demografia, i flussi migratori.

In che modo sta cambiando il mercato del lavoro italiano? Per cominciare sgombriamo il campo dagli equivoci: gli occupati in Italia sono oltre 23 milioni, di cui i dipendenti quasi 18 milioni. Quelli permanenti sono poco meno di 15 milioni, quelli a tempo determinato quasi tre milioni. Tuttavia, nel confronto con dieci anni fa (prendiamo come mese di riferimento aprile, così da restare in linea con gli ultimi dati Istat), i primi sono cresciuti di 55 mila unità (da 14.818 a 14.873) e i secondi di 599 mila, passando da 2.374 a 2.973. In altre parole la dinamica si è cominciata a verificare da prima che entrasse in vigore il Jobs Act e di certo la commistione di crisi economica e altre variabili hanno reso più incerto il quadro, favorendo i contratti a termine (e a lungo anche altre tipologie contrattuali definite atipiche).

Un buon modo per capire se si tratta di un problema ormai tipico dell”Italia è proporre un confronto con il resto d’Europa. I dati Eurostat – risalgono al 2016 – collocano il nostro paese poco al di sotto della media europea (UE28). La quota di lavoratori 15-74 anni con contratto a tempo determinato si attesta in Europa al 14,2%, mentre in Italia è al 14%. La Germania è al 13,1%, ma altri paesi quali Finalndia (15,7), Francia (16,2), Svezia (16,7) e Paesi Bassi (20,9) si collocano sopra di noi, fino al picco di Spagna (26,1) e Polonia (27,3). La Grecia, che ha visto crollare i ilvelli occupazionali durante la crisi economica e gli anni di austerity, presenta valori più bassi dei nostri, a conferma delle diverse componenti che determinano un trend al rialzo o al ribasso.

@fabiogermani

GALASSIA LAVORO

 

1 Commento per “In che modo il mercato del lavoro sta cambiando fisionomia”

  1. […] 2018) Tecnologie e digitalizzazione, l’impatto sull’organizzazione del lavoro (06 giugno 2018) In che modo il mercato del lavoro sta cambiando fisionomia (04 giugno 2018) Lavoro: così le ferie in Italia e in Europa (01 giugno 2018) Orari di lavoro […]

Scrivi una replica

News

Eurozona, Draghi: «Economia più debole del previsto, stimolo significativo ancora necessario»

«A dicembre abbiamo deciso di mettere fine» al Quantitative easing, «fiduciosi che la convergenza dell’inflazione verso l’obiettivo sarebbe progredita». Contemporaneamente «i recenti sviluppi economici sono…

15 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, Juncker: «Durante la crisi del debito c’è stata dell’austerità avventata»

Durante la crisi del debito «c’è stata dell’austerità avventata, ma non perché volevamo sanzionare chi lavora e chi è disoccupato: le riforme strutturali restano essenziali».…

15 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: permessi di costruire in calo nel secondo trimestre del 2018 (-2% congiunturale)

Nel secondo trimestre del 2018 si stima che i permessi di costruire relativi al comparto residenziale registrino, al netto della stagionalità, una diminuzione congiunturale del…

15 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ecotassa, Manley (FCA): «Il piano di investimenti va rivisto»

Parlando dal salone dell’auto di Detroit, l’amministratore delegato del gruppo FCA Mike Manley, ha avvertito che, alla luce del nuovo regolamento introdotto dal governo italiano…

15 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia