L’inquinamento da plastica, i danni per l’ambiente | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’inquinamento da plastica, i danni per l’ambiente

Secondo l'Ocse nel mondo solo il 15% dei rifiuti di questo genere viene riciclato, il 25% viene avviato a recupero energetico, mentre il 60% finisce in discarica o bruciato all’aperto
di Silvia Capone

Dal 1972 il 5 giugno si celebra la Giornata Mondiale dell’Ambiente, che quest’anno è dedicata alla sensibilizzazione sul tema dell’inquinamento da plastica monouso, che compromette gli oceani e altri ambienti marini. Secondo l’Unep, il programma per l’Ambiente dell’Onu, ogni anno vengono riversati negli oceani 8 milioni di rifiuti plastici per 13 milioni di tonnellate di plastica complessiva. Si stima che nel mondo il 50% della plastica totale sia monouso, con un consumo preoccupante di sacchetti, fino a 5 trilioni in un anno, e di bottigliette: ogni minuto nel mondo ne vengono acquistate 1 milione, con un’espansione del 20% prevista nel 2021. La vendita crescente costituisce un pericolo per l’ambiente soprattutto perché solo meno della metà dei 480 miliardi di bottiglie vendute nel 2016 è stato riciclato e appena il 7% delle unità recuperate avrà una nuova vita come bottiglia di plastica.

La questione del riciclo di materiali plastici è al centro dell’ultimo rapporto Ocse, secondo cui nel mondo solo il 15% dei rifiuti di questo genere viene riciclato, il 25% viene avviato a recupero energetico, mentre il 60% finisce in discarica o bruciato all’aperto. Se per esempio Paesi quali gli Stati Uniti riciclano solamente il 10% della plastica prodotta, l’Europa può vantare una percentuale di rifiuti riciclati ben sopra la media, il 30%.
Nota la deriva preoccupante che il marine litter, l’emergenza rifiuti nei mari, sta avendo, l’Unione europea, nonostante i risultati sopra la media globale, ha proposto una direttiva secondo cui, entro il 2025 gli stati membri dovranno raccogliere il 90% delle bottiglie di plastica monouso per bevande, introducendo sistemi quali la cauzione-deposito, così da evitare l’emissione di 3,4 milioni di tonnellate di CO2 equivalente, danni ambientali per un costo equivalente pari a 22 miliardi di euro entro il 2030 e, riscontro tangibile, generare risparmi per i consumatori fino a 6,5 miliardi di euro.
Il problema dell’inquinamento marino della plastica coinvolge in particolar modo l’Italia: secondo recenti indagini di Legambiente, il 96% dei rifiuti galleggianti nei nostri mari è plastica, corrispondenti ad una densità pari a 58 rifiuti per ogni chilometro quadrato di mare con punte di 62 nel mar Tirreno. L’inquinamento marino da plastica è un tema sul quale l’Italia ha fatto da apripista, con leggi ed emendamenti per contrastare l’uso della plastica monouso e classificandosi come uno dei paesi più avanzati nella green economy e nell’economia circolare, secondo cui gli scarti di un’impresa diventano materie prima per un’altra. Per l’Eurostat quasi un quinto del totale è rappresentato da materiale circolare.

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, a giugno indice Pmi in aumento rispetto al mese precedente

A giugno attività economica dell’Eurozona in crescita, trainata dai servizi. Lo sostiene il sondaggio Pmi curato da IHS Markit. L’indice preliminare composito – che unisce…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dazi, Boccia (Confindustria): «Fanno del male all’Italia e all’Europa»

«Siamo un Paese ad alta vocazione di export e quindi i dazi fanno del male all’Italia e all’Europa. Ecco perché su questo aspetto dobbiamo essere…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, nel primo trimestre il Pil rallenta a +0,2%

Nel primo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo della Francia è cresciuto dello 0,2%, in rallentamento rispetto al trimestre precedente (+0,7%). Lo rende noto l’INSSE,…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «Spero che settimana prossima possa partire il decreto dignità»

«Spero che la settimana prossima possa partite il decreto dignità». Lo ha affermato Luigi Di Maio arrivando al congresso Uil. «La norma eliminerà la burocrazia…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia