Il lavoro alternativo, chi sono i gig workers | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il lavoro alternativo, chi sono i gig workers

Tra alternatività e impiego principale, breve panoramica della platea dei "nuovi" lavoratori
di Redazione

Il mercato del lavoro, non solo quello italiano, è cambiato. Negli Stati Uniti, era stato stimato di recente, molta dell’occupazione aggiuntiva registrata negli ultimi anni è dipesa dal “boom” di persone al lavoro nella gig economy, una definizione che a tutt’oggi resta piuttosto vaga. Per dirla altrimenti alcuni studi mettono in risalto l’importanza del lavoro alternativo quale contributo alla crescita dei livelli occupazionali. Un modello, quello dell’economia dei lavoretti o on demand, che prevede appunto che liberi professionisti o autonomi possano accumulare reddito negli archi di tempo in cui manca il lavoro, o arrotondare se il lavoro non è sufficiente a soddisfare i propri bisogni. Sempre secondo recenti stime, ammontano a quattro milioni – unità più, unità meno – le persone che ricorrono a questa modalità di impiego (con l’ausilio, quindi, di app e servizi online), un numero che potrebbe lievitare fino a oltre sette milioni nel 2020. E in Italia come stanno le cose, visto che se ne sta parlando molto?

È difficile quantificare la platea di persone che svolgono mansioni in tale contesto. Secondo un’indagine della Fondazione Rodolfo Debenedetti, presentata al Festival dell’Economia di Trento e ripresa dal Sole 24 Ore, il numero di occupati nell’ambito della gig economy dovrebbe oscillare tra i 700 mila e il milione. I rider – coloro che consegnano il cibo su richiesta – rappresentano il 10% del campione. «Nella ricerca della Fondazione un 45% si dichiara tra soddisfatto e molto soddisfatto del suo lavoro che rimane comunque in gran parte occasionale, visto che il 50% dei gig worker lo fa per 1-4 ore a settimana e il 20% tra 5 e 9 ore», riferiva il Sole. Le componenti di genere sono equamente distribuite e nel caso delle donne spesso si è al cospetto di lavoratrici con livelli di studio elevato. In generale solo per 150 mila – lo 0,4% dell’intera popolazione, viene sottolineato – si tratta dell’unico lavoro, a conferma dell’alternatività dell’impiego (la maggior parte di chi occupato in questo segmento presenta un’età sotto i 40 anni). Nel 10% dei casi i lavoratori vengono contrattualizzati come cococo, ma il 50% delle volte sono collaborazioni di tipo occasionale. Più del 50% viene pagato a consegna, mentre meno del 20% è pagato a ora. Chi lo fa saltuariamente arriva a guadagnare 343 euro al mese, per quanti si tratta del lavoro principale il guadagno medio può attestarsi a 839 euro mese.

 

Scrivi una replica

News

Europee, Salvini: «M5s? Abbiamo già i nostri alleati a livello internazionale»

«Non sto ragionando di gruppi unici di alleanze: le europee saranno un’opportunità di cambiamento, come Lega abbiamo le idee chiare su come deve cambiare l’Europa».…

20 Feb 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord, la Farnesina: «L’ambasciata nordcoreana ci aveva informato del rimpatrio volontario della figlia dell’ambasciatore»

L’Ambasciata della Corea del Nord in Italia aveva avvisato il ministero degli Esteri italiano del rimpatrio volontario della figlia dell’ex ambasciatore reggente nordcoreano a Roma,…

20 Feb 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Europee, M5s: «Non entreremo nel gruppo della Lega»

«Il M5S nel prossimo Parlamento Europeo farà parte di un nuovo gruppo fondato sui valori della democrazia diretta. Le prime 4 forze politiche che lo…

20 Feb 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Autonomie, Salvini: «La strada maestra è la Costituzione»

Sulle autonomie «la strada maestra è la Costituzione, noi stiamo applicando quanto previsto dalla Costituzione: non c’è un’idea della Lega, è la Costituzione che prevede…

20 Feb 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia