In forte aumento il commercio mondiale di beni | T-Mag | il magazine di Tecnè

In forte aumento il commercio mondiale di beni

Crescita sostenuta per l'Italia nel 2017. La provenienza territoriale delle vendite sui mercati esteri si conferma fortemente concentrata nelle regioni del Centro-Nord, da cui proviene l’88,1% delle esportazioni nazionali. Il rapporto Istat-ICE
di Redazione

Nel 2017, il commercio mondiale di beni, misurato in dollari ed espresso a prezzi correnti, è in forte aumento rispetto al 2016 (+10,6%) dopo due anni di continue flessioni. Questo è il risultato di un’espansione sia dei volumi scambiati (+4,5%) sia, in misura più marcata, dei valori medi unitari (+6,1%). Risulta in crescita anche il valore nominale dell’interscambio mondiale di servizi (+7,5%). Gli investimenti diretti esteri registrano una decisa diminuzione (-23,4%). In questo quadro internazionale, l’Italia registra una crescita sostenuta del valore in euro sia delle merci esportate (+7,4%) sia di quelle importate (+9%). Queste dinamiche determinano una riduzione dell’avanzo commerciale (2,2 miliardi in meno rispetto al 2016), che nel 2017 raggiunge i 47,4 miliardi di euro. Al netto dei prodotti energetici, l’attivo commerciale è di 81 miliardi di euro, con un ampio incremento sul 2016 (+4,5 miliardi). Nel 2017, diminuisce lievemente – da 2,95% a 2,92% – la quota di mercato dell’Italia sulle esportazioni mondiali di merci (misurata in dollari). È quanto emerge dall’annuario statistico Commercio estero e attività internazionali delle imprese di Istat e ICE (Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane).

La quota dell’Italia sulle esportazioni mondiali è diminuita in misura più accentuata in alcune aree geografiche, in particolare Africa Settentrionale (da 7,50% a 7,36%) e Asia Centrale (da 1,25% a 1,14%). Sul fronte opposto, incrementi della quota si rilevano principalmente per America Settentrionale (da 1,83% a 1,91%) e America Centro-Meridionale (da 1,56% a 1,63%). Nel 2017 risultano in crescita sia le esportazioni nazionali di servizi (+8,4%) sia le importazioni (+9,3%). I flussi di investimenti netti diretti all’estero, misurati in euro, sono diminuiti in misura molto marcata (-52,3%) mentre quelli in Italia risultano sostanzialmente stazionari (-0,1%). Germania e Francia si confermano nel 2017 i principali mercati di sbocco delle vendite di merci, con quote pari, rispettivamente, al 12,5% e al 10,3% delle esportazioni nazionali. Gli Stati Uniti si collocano al terzo posto tra i paesi partner, con una quota del 9%; seguono Spagna e Regno Unito (5,2% per entrambe). Tra i principali paesi, i mercati di sbocco più dinamici nel 2017 (incremento della quota sulle esportazioni nazionali pari o superiore a 0,2 punti percentuali rispetto al 2016) sono Cina, Stati Uniti e Russia.

Per quanto riguarda i principali raggruppamenti di industrie, nel 2017 aumenta il deficit nell’interscambio di prodotti energetici (-33,5 miliardi da -26,8 miliardi nel 2016). Si rileva un aumento del saldo di beni di consumo non durevoli (+5,3 miliardi rispetto al saldo registrato nel 2016), beni strumentali (+2,3 miliardi) e beni di consumo durevoli (+0,2 miliardi). Tuttavia diminuisce il saldo dei prodotti intermedi (-3,3 miliardi). Tra i gruppi di prodotti manifatturieri in cui l’Italia detiene nel 2017 le maggiori quote sulle esportazioni mondiali di merci si segnalano: materiali da costruzione in terracotta
(25,72%); cuoio conciato e lavorato, articoli da viaggio, borse, pelletteria e selleria, pellicce preparate e tinte (13,84%); pietre tagliate, modellate e finite (13,48%); cisterne, serbatoi, radiatori e contenitori in metallo (10,46%); prodotti vegetali di bosco non legnosi (6,78%); prodotti della fusione della ghisa e dell’acciaio (6,63%) e tabacco (2,93%). Rispetto al 2016 gli incrementi più rilevanti della quota sulle esportazioni mondiali si rilevano per materiali da costruzione in terracotta (da 23,43% a 25,72%) e tabacco (da 0,85% a 2,93%). Tra gli altri prodotti con quote in aumento spiccano cisterne, serbatoi, radiatori e contenitori in metallo (da 9,70% a 10,46%) e prodotti della fusione della ghisa e dell’acciaio (da 5,89% a 6,63%). La provenienza territoriale delle vendite sui mercati esteri si conferma fortemente concentrata nelle regioni del Centro-Nord, da cui proviene l’88,1% delle esportazioni nazionali, mentre il Mezzogiorno attiva il 10,5% delle vendite sui mercati internazionali. Nel 2017, la quota della Lombardia sulle esportazioni nazionali è pari al 26,9%, quella del Veneto al 13,7%, quella dell’Emilia-Romagna al 13,4%, mentre la quota del Piemonte è al 10,7%. Rispetto al 2016, aumenti dell’incidenza sul totale dell’export si rilevano per le ripartizioni Italia Insulare (da 2,7% a 3,3%) e Italia Nord-Occidentale (da 39,4% a 39,5%).

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Bankitalia: «Continua la richiesta di prestiti»

«Nel terzo trimestre la domanda di finanziamenti da parte delle imprese ha continuato a crescere. All’aumento delle richieste di prestiti hanno contribuito il basso livello…

23 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Merkel apre all’import di gas dagli Stati Uniti

Wall Street Journal ha reso noto che Angela Merkel ha ceduto alle pressioni del presidente americano Donald Trump e offre il sostegno per cofinanziare la…

23 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio: Wti a 69,16 dollari al barile e Brent a 79,50 dollari

All’avvio dei mercati il greggio texano Wti è stato scambiato a 69,16 dollari al barile mentre il Brent è stato scambiato a 79,50 dollari.…

23 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Titoli di Stato: spread Btp/Bund a 310 punti

All’avvio dei mercati finanziari lo spread tra Btp e Bund si è attestato a quota 310 punti.…

23 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia