Prezzi al consumo, a giugno indice nazionale in aumento su base mensile | T-Mag | il magazine di Tecnè

Prezzi al consumo, a giugno indice nazionale in aumento su base mensile

«Nel mese di giugno 2018, si stima che l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, aumenti dello 0,2% rispetto al mese precedente e dell’1,3% su base annua (in crescita dal +1,0% registrato a maggio). La stima preliminare era +1,4%». Lo rende noto l’ISTAT, l’Istituto nazionale di statistica, attraverso la diffusione di un comunicato stampa.
«L’accelerazione dell’inflazione – prosegue la nota – si deve prevalentemente ai prezzi dei Beni energetici non regolamentati (da +5,3% di maggio a +9,4%) ed è sostenuta anche da quelli dei Beni alimentari non lavorati (da +2,4% a +3,4%) e dei Servizi relativi ai trasporti (da +1,7% a +2,9%).
Pertanto l’“inflazione di fondo”, al netto degli energetici e degli alimentari freschi, è pari a +0,8% (stabile rispetto a maggio) e quella al netto dei soli Beni energetici è in accelerazione da +0,8% registrato nel mese precedente a +1,0%.
L’aumento congiunturale dell’indice generale dei prezzi al consumo è dovuto principalmente ai rialzi dei prezzi dei Beni energetici non regolamentati (+2,3%) e dei Servizi relativi ai trasporti (+2,2%), i cui effetti sono solo in parte mitigati dai cali congiunturali di quelli dei Beni alimentari non lavorati (-0,9%) e dei Servizi relativi alle comunicazioni (-1,4%).
L’inflazione accelera sia per i beni (da +1,0% registrato nel mese precedente a +1,5%) sia, in misura lieve, per i servizi (da +0,9% a +1,0%); il differenziale inflazionistico tra servizi e beni rimane negativo ma di ampiezza più marcata rispetto a maggio (da -0,1 punti percentuali a -0,5 punti percentuali). L’inflazione acquisita per il 2018 è +1,0% per l’indice generale e +0,7% per la componente di fondo.
I prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona registrano un calo dello 0,2% su base mensile e un aumento del 2,2% su base annua (da +1,7% registrato a maggio).
I prezzi dei prodotti ad alta frequenza d’acquisto salgono dello 0,2% in termini congiunturali e del 2,7% in termini tendenziali (da +2,0% del mese precedente). L’indice armonizzato dei prezzi al consumo (IPCA) aumenta dello 0,2% in termini congiunturali e dell’1,4% in termini tendenziali (da +1,0 di maggio). La stima preliminare era +1,5%.
Nell’approfondimento viene analizzato l’impatto che l’inflazione, misurata dall’IPCA, ha avuto nell’ultimo semestre sulle famiglie distinte per livelli di consumo e in particolare su quelle con minore capacità di spesa e su quelle con capacità di spesa più elevata.
L’indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (FOI), al netto dei tabacchi, aumenta – conclude l’ISTAT – dello 0,2% su base mensile e dell’1,2% rispetto a giugno 2017».

 

Scrivi una replica

News

Aereo con calciatore italo-argentino scomparso dai radar

Un aereo con a bordo il calciatore italo-argentino Emiliano Sala, è scomparso dai radar dopo esser decollato dall’aeroporto francese di Nantes. La destinazione del volo…

22 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, indice Zew sale a -15 punti a gennaio

L’indice Zew che monitora la fiducia degli investitori tedeschi ha registrato una crescita nel mese di gennaio a -15 punti dai -17,5 di dicembre. Il…

22 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, addio a Henri d’Orlèans

Henri d’Orlèans, ex conte di Parigi e pretendente al trono di Francia, si è spento all’età 85 anni. A renderlo noto è stato il figlio…

22 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Indonesia, nuova scossa di terremoto: magnitudo 6.6

Un’altra forte scossa di terremoto è stata registrata in Indonesia nel corso della mattinata di martedì 22 gennaio. Questa volta la scossa ha avuto un’intensità…

22 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia