Conti pubblici, a luglio il debito pubblico italiano è tornato a crescere | T-Mag | il magazine di Tecnè

Conti pubblici, a luglio il debito pubblico italiano è tornato a crescere

A luglio 2018, il debito pubblico è tornato a crescere. Lo rende noto la Banca d’Italia. Il debito pubblico è aumentato di 18,4 miliardi di euro rispetto al mese precedente, risultando pari a 2341,7 miliardi e toccando un nuovo record. L’aumento è dovuto all’incremento delle disponibilità liquide del Tesoro (31,6 miliardi, a 80 miliardi), che ha compensato l’avanzo di cassa delle amministrazioni pubbliche (15,1 miliardi); scarti e premi all’emissione e rimborso, la rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e la variazione tassi cambio (totale 1,9 miliardi).

 

Scrivi una replica

News

Pensioni, Fmi: «Quota 100 imporrebbe pesi ancora maggiori sulle generazioni più giovani»

La cosiddetta “Quota 100” aumenterebbe «ulteriormente la spesa pensionistica». Lo ha scritto l’FMI, il Fondo Monetario Internazionale, nella relazione che prelude all’Art.IV, aggiungendo che le…

13 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Manovra, Fmi: «L’impatto sulla crescita potrebbe essere incerto»

«Sarebbe incerto nei prossimi due anni e probabilmente negativo nel medio periodo, se gli spread continuassero a restare a livelli elevati». Lo ha scritto l’FMI,…

13 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: « Con Renzi vennero mandati via Gabanelli e Giannini. Spero ritornino»

«Abbiamo sempre difeso i giornalisti epurati dalla destra e dalla sinistra. Berlusconi ha avuto la nomea di quello che era in conflitto interessi e che…

13 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «Equo compenso anche per i giornalisti»

«La libertà di informazione si garantisce prima di tutto migliorando le condizioni di lavoro dei giornalisti. Soprattutto i giornalisti sottopagati, al limite dello sfruttamento». Lo…

13 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia