Famiglie: reddito su, ma consumi al palo | T-Mag | il magazine di Tecnè

Famiglie: reddito su, ma consumi al palo

Cresce la propensione al risparmio nel secondo trimestre, +1,1% rispetto al periodo precedente. I dati Istat
di Redazione

Nel secondo trimestre del 2018 il reddito disponibile lordo delle famiglie consumatrici è aumentato dell’1,3% rispetto al trimestre precedente. A fronte di un incremento del deflatore implicito dei consumi pari allo 0,1%, il potere d’acquisto è salito dell’1,2%. A riferirlo è l’Istat, nel report sui conti economici trimestrali.

La propensione al risparmio delle famiglie consumatrici – prosegue l’Istat -, calcolata come rapporto percentuale tra il risparmio lordo e il reddito disponibile lordo corretto per tener conto della variazione dei diritti netti delle famiglie sulle riserve tecniche dei fondi pensione, nel secondo trimestre 2018 è stata pari all’8,6% (+1,1 punti percentuali rispetto al trimestre precedente). L’aumento deriva da una crescita della spesa per consumi finali molto contenuta e marcatamente più ridotta rispetto a quella registrata per il reddito disponibile lordo (+0,1% e
+1,3% rispettivamente).

Il tasso di investimento delle famiglie consumatrici, calcolato come rapporto tra gli investimenti fissi lordi e il reddito disponibile lordo corretto per tener conto della variazione dei diritti netti delle famiglie sulle riserve tecniche dei fondi pensione, nel secondo trimestre del 2018 è stato pari al 5,9%, invariato rispetto al trimestre precedente, a fronte di un aumento degli investimenti fissi lordi dello 0,9% e del già segnalato aumento dell’1,3% del reddito lordo disponibile.

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Brexit, Tusk: «Uno scenario di non accordo è più probabile rispetto al passato»

Sulla Brexit «dobbiamo restare fiduciosi e determinati, poiché c’è volontà di continuare questi negoziati da entrambe le parti». Lo ha scritto il presidente del Consiglio…

16 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Manovra, Juncker: «Una deviazione dell’Italia sarebbe inaccettabile per altri Paesi»

«Se accettassimo il derapage» previsto dalla manovra rispetto alle regole europee «alcuni Paesi ci coprirebbero di ingiurie e invettive con l’accusa di essere troppo flessibili…

16 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conte: «Serve una gestione condivisa per i migranti»

«Il Consiglio europeo arriva in un momento in cui i cittadini attendono dall’Ue risposte concrete. Le elezioni europee porteranno a una nuova Commissione: dovremo lavorare…

16 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conte: «Bisogna ridurre il gap di crescita con l’Ue»

«È fondamentale per il nostro Paese ridurre il gap di crescita con l’Ue orientando la spesa verso equilibrio e stabilità». Così il primo ministro, Giuseppe…

16 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia