Il gioco d’azzardo coinvolge sia adulti che minorenni | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il gioco d’azzardo coinvolge sia adulti che minorenni

Si stima che 18 milioni di italiani adulti hanno giocato d’azzardo almeno una volta nell’ultimo anno, quasi un uomo su due e circa il 30% delle donne
di Redazione

La prima indagine epidemiologica sul gioco d’azzardo condotta dall’Istituto Superiore della Sanità, grazie ad un accordo scientifico con l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, è anche il più grande studio sul tema poiché coinvolge un campione di 30 mila tra adulti e giovani e stima che 18 milioni di italiani adulti hanno giocato d’azzardo almeno una volta nell’ultimo anno, quasi un uomo su due e circa il 30% delle donne. Di questi 13 milioni giocano in modo sociale, ovvero spesso in compagnia e considerabile sano, due milioni corrispondono ad un profilo che si ritiene essere a basso rischio patologico, quasi un milione e 400 mila italiani presentano un rischio moderato, mentre un altro milione e mezzo sono definiti giocatori problematici, cioè coloro che non riescono a gestire il tempo e il denaro che dedicano al gioco.

L’indagine dell’Iss sottolinea le differenze che intercorrono tra il giocatore sociale e quello problematico, quest’ultimo infatti, oltre ad essere – stando ai dati – più incline ad altre forme di dipendenza quali alcol e sostanze stupefacenti, predilige giochi quali slot e video lotterie, preferibilmente in luoghi che garantiscano la privacy, importante per il 10,7% di patologici, quindi ricercano sale lontano da casa, per l’11,3%, e dal lavoro, mentre i giocatori sociali oltre a non allontanarsi dalla propria abitazione, quasi il 50% si reca in luoghi vicini, preferiscono la disponibilità di altri servizi. L’aspetto economico appare fondamentale nella differenziazione dei tipi di giocatore: il 27,7% dei problematici ha ottenuto prestiti da società finanziarie – rispetto al 4% del “sociale” -, il 14,2% ha richiesto invece prestiti a privati – contro lo 0,9%.

La ricerca riserva un focus sulla ludopatia dei giovani: del campione infatti fanno parte oltre 15 mila studenti provenienti da 201 scuole – sia private che pubbliche – di età compresa tra i 14 e i 17 anni, che normativamente non potrebbero praticare un gioco d’azzardo, ed emerge che 700 mila minori hanno giocato almeno una volta nell’ultimo anno e di questi quasi 70 mila sono già ritenuti giocatori problematici. In generale il 35% sono 17enni prevalentemente del Sud Italia, oltre il 36%, e delle isole quasi il 30%, seguiti dal Centro, Nord Ovest e Nord est, e praticano (una grande differenza rispetto agli adulti), soprattutto scommesse sportive, quasi l’80%, e lotterie istantanee, gioco scelto dal 70% dei minorenni.

 

Scrivi una replica

News

Lavoro, nel terzo trimestre occupazione nell’area Ocse in crescita al 68,4%

Nel terzo trimestre 2018, l’occupazione nell’area OCSE si è attestata al 68,4%, in crescita di 0,1 punti percentuali. Lo rende noto l’OCSE, l’Organizzazione per la…

17 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito, il 29 gennaio la Camera dei Comuni voterà il Piano B sulla Brexit

Il 29 gennaio la Camera dei Comuni voterà l’ipotetico piano B sulla Brexit che il governo Tory di Theresa May sta cercando di definire. Lo…

17 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, a dicembre 2018 inflazione in calo all’1,6%

Nell’Eurozona, a dicembre 2018, l’inflazione è scesa all’1,6%, dall’1,9% registrato a novembre. Lo rende noto l’Eurostat, l’Ufficio statistico dell’Unione europea, attraverso la diffusione di un…

17 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito, Bruxelles: «Una Brexit senza accordo «è diventata più possibile»

Una Brexit senza accordo «è diventata più possibile» dopo che martedì Westminster ha bocciato l’intesa. Lo ha detto il portavoce della Commissione europea, Margaritis Schinas.…

17 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia