Quanto cibo sprechiamo? | T-Mag | il magazine di Tecnè

Quanto cibo sprechiamo?

Secondo la Fao la metà della frutta e verdura viene persa o sprecata. In Italia, osserva uno studio, lo spreco domestico corrisponde in media a 36 kg annui di alimenti pro capite
di Redazione

Il Global Panel on Agriculture and Food Systems for Nutrition in collaborazione con la Fao ha pubblicato il rapporto Prevenire la perdita e lo spreco di nutrienti attraverso il sistema alimentare: azioni politiche per diete di alta qualità ricordando che nel mondo una morte su cinque è strettamente connessa a diete di scarsa qualità – non solo denutrizione, ma anche le diete poco sane, infatti se 815 milioni di individui al mondo patiscono la fame e una persona ogni tre è malnutrita, una persona su otto soffre di obesità – evidenzia che un terzo di tutto il cibo prodotto per essere consumato, da persone, non arriva mai sulle tavole dei consumatori. La Fao sottolinea infatti che la metà della frutta e verdura viene persa o sprecata, mentre il 25% della carne prodotta, che secondo i calcoli equivarrebbe a 75 milioni di mucche, non viene consumata.

In particolar modo, per quel che riguarda l’Italia, il rapporto 2018 dell’Osservatorio Waste Watcher nell’ambito della campagna Spreco Zero di Last Minute Market, lo spreco domestico corrisponde in media a 36 kg annui di alimenti pro capite, mentre al livello della distribuzione, lo spreco pesa per 9,5 kg l’anno per ogni mq di superficie di vendita negli ipermercati e per 18,8 kg/anno per ogni mq nei supermercati. Da questi dati, il cibo in eccesso si traduce per ogni consumatore italiano in una produzione di spreco di 2,89 kg annui: 55,6 gr a settimana e 7,9 gr al giorno solo sul piano distributivo.

Lo spreco non lascia però indifferenti, infatti sempre secondo il rapporto dell’Osservatorio Waste Watcher, quattro italiani su cinque considerano un’assurdità buttare del cibo ancora buono, e quattro su dieci sostengono di aver prestato particolare attenzione nell’ultimo anno riducendo gli sprechi. I metodi più utilizzati secondo la ricerca sono quelli di prevenire a monte, quindi controllare il carrello della spesa e limitare l’acquisto ai cibo che servono davvero, soluzione adottata dal 96% degli italiani, e congelando le pietanze in eccesso.

 

Scrivi una replica

News

Patuelli: «Uscire dall’euro sarebbe assolutamente una pazzia»

«Uscire dall’euro? Sarebbe assolutamente una pazzia, una devastazione economica. Non se ne parla più e ora si ragioni prospetticamente per usufruire dei vantaggi della moneta…

19 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Abi: «Uno spread Btp-Bund a 300 punti avrà un impatto negativo sui prestiti»

Uno spread Btp Bund a «300 punti non è coerente con i fondamentali dell’economia». Lo hanno detto i vertici dell’ABI, l’Associazione bancaria italiana, intervenendo nel…

19 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Barnier: «Siamo ad un momento decisivo»

«Siamo ad un momento decisivo» per la Brexit. Lo ha detto il capo negoziatore della Commissione responsabile per la Brexit, Michel Barnier, intervenendo nel corso…

19 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Israele, il governo di Netanyahu va avanti

I ministri israeliani, Naftali Bennet e Ayelet Shaked, hanno deciso di non dimettersi e daranno fiducia al cambiamento sulla sicurezza che il premier Benyamin Netanyahu…

19 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia