I cittadini non comunitari presenti in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

I cittadini non comunitari presenti in Italia

Al 1° gennaio 2018 sono 3.714.934. Continua la crescita dei nuovi permessi concessi per motivi di asilo e protezione umanitaria. I dati Istat

Al 1° gennaio 2018 sono 3.714.934 i cittadini non comunitari regolarmente presenti in Italia, valore sostanzialmente stabile rispetto all’anno precedente. I paesi più rappresentati sono Marocco (443.147), Albania (430.340), Cina (309.110), Ucraina (235.245) e Filippine (161.609). Per le prime tre collettività prosegue, tra il 2016 e il 2017, la diminuzione già osservata nel biennio precedente. La flessione più rilevante interessa quelle di più antico insediamento, provenienti da paesi come il Marocco (-11.670 permessi) e l’Albania (-11.498). Nel 2017 – spiega l’Istat nel report sui cittadini non comunitari in Italia – i nuovi permessi concessi ammontano a 262.770, il 16% in più rispetto al 2016.

Continua la crescita dei nuovi permessi concessi per motivi di asilo e protezione umanitaria, che toccano un nuovo record storico: oltre 101mila nuovi rilasci (il 38,5% del totale dei nuovi permessi). La richiesta di asilo e protezione internazionale è per gli uomini la prima motivazione di ingresso (54,3%). I principali paesi di cittadinanza delle persone in cerca di asilo e protezione internazionale sono Nigeria, Pakistan e Bangladesh; insieme, questi tre paesi coprono più del 41% dei flussi in ingresso per questa motivazione mentre i paesi con gli incrementi più rilevanti nell’anno sono il Bangladesh (+96,3%), la Guinea (+66,0%) e la Costa d’Avorio (+40,8%). Sono diminuiti, invece, gli ingressi per richiesta di protezione dei cittadini pakistani (-16,2%). Al 1° gennaio 2018 le famiglie con almeno un cittadino non comunitario (con permesso di soggiorno valido) sono circa 1 milione e 300mila.

Le famiglie con intestatari del foglio di famiglia non comunitari sono più frequentemente unipersonali al Centro-Sud, mentre al Nord prevalgono le coppie con figli (32,3%). Nel 2017 le acquisizioni di cittadinanza italiana, dopo oltre un decennio di aumento, diminuiscono del 26,4% rispetto all’anno precedente, scendendo a 135.814 (erano quasi 185mila nel 2016). La diminuzione ha interessato le acquisizioni per residenza (-28mila) e per trasmissione dai genitori (-25mila). Crescono, invece, in termini assoluti e relativi, le acquisizioni per matrimonio (+4mila e +6,1%). Aumentano anche le acquisizioni per ius sanguinis per discendenza da avi italiani.

La maggior parte delle acquisizioni di cittadinanza riguarda albanesi (27.112) e marocchini (22.645). Per tutte le principali collettività si registra un calo ad eccezione dei brasiliani per i quali le acquisizioni di cittadinanza continuano a crescere. Nell’arco di cinque anni, tra il 2013 e il 2017, quasi 636mila cittadini non comunitari hanno acquisito la cittadinanza; di questi, circa l’88% risulta ancora residente nel nostro Paese al 1° gennaio 2018.

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Istat: «Inflazione rivista al ribasso all’1.6% a novembre»

«Nel mese di novembre 2018, si stima che l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, diminuisca dello 0,2%…

14 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Avvocato Battisti: «Irreperibile da giovedì»

L’avvocato di Cesare Battisti, Igor Sant’Anna Tamasauska, ha rivelato all’Ansa che il suo assistito è irreperibile dalla giornata di giovedì 13 dicembre.…

14 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, nel 2017 40mila morti per arma da fuoco

Secondo il Centers for Disease Control and Prevention, nel 2017 ci sono stati 40mila morti per arma da fuoco. Il dato è il più alto…

14 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cina: «Stop di 3 mesi a dazi su auto provenienti dagli Usa»

«La Cina ha deciso di sospendere per tre mesi, dal primo gennaio al 31 marzo 2019, l’applicazione dei dazi aggiuntivi dal 15% al 40%, sulle…

14 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia