Al via il Black Friday, ma potrebbe essere più magro | T-Mag | il magazine di Tecnè

Al via il Black Friday, ma potrebbe essere più magro

Confesercenti stima un giro di affari di 1,3 miliardi di euro, in diminuzione del 13% rispetto al 2017
di Redazione

Il Black Friday è la giornata di super sconti ereditata dalla tradizione statunitense, che quest’anno sarà il 23 novembre, che come iniziativa si espande oltre i confini americani, anche se quest’anno convince poco l’Italia: Confesercenti stima infatti che il giro d’affari dell’iniziativa sia in diminuzione del 13%, e si fermerà a 1,3 miliardi di euro, rispetto all’1,5 miliardi dello scorso anno. Lo studio condotto da Confesercenti in collaborazione con SWG è il risultato di una doppia indagine che ha coinvolto sia esercenti che consumatori, ha messo in luce come il calo del fatturato sia dipeso da entrambe le parti in causa: da una parte è diminuita la percentuale dei consumatori che sicuramente compreranno in occasione degli sconti di venerdì che passa dal 37% del 2017 al 32%, corrispondente a poco più di 12 milioni di italiani. Nonostante risulti lievemente in aumento il budget che pensano di dedicare alle spese, 110 euro pro capire, il calo del fatturato potrebbe non essere compensato, mentre il 41%, non ha ancora indeciso se comprare o meno.

Anche da parte degli esercenti diminuisce l’attrattiva del Black Friday, saranno circa 180 mila i negozi che aderiranno agli sconti, circa il 27% del totale. Contestualmente i negozi fisici che quest’anno aderiscono appaiono meno convinti dello scorso anno poiché il 44% più “tradizionalista” sconterà i prodotti solo il venerdì, il 42% concentrerà le promozioni per tutto il weekend, mentre il 14% aderirà alla cosiddetta Black Week, mentre nel 2017 le percentuali erano rispettivamente 33, 42 e 25%.

Tra i negozianti che scelgono di scontare aumenta il numero di coloro che si basa sulla precedente esperienza andata bene e soprattutto di coloro che aderiscono perché «sembra che ci sia richiesta da parte del pubblico», percezione si può dire confermata in quanto i consumatori preferiscono, per il 45% dei casi, acquistare in negozi reali e fisici. I negozi che invece non aderiscono imputano come motivazione principalmente il fatto che non è un evento adatto (49%) e per il 35% spicca il pensiero che troppe promozioni, in particolare se così vicine al Natale, siano controproducenti. Un 16% ritiene che i negozi reali non possano partecipare, dato che il Black Friday è una tradizione connessa alla vendita online e, soprattutto, va considerato che in alcune Regioni vige il divieto di promozioni a 30 giorni dal Natale.

La tecnologia rimane il settore di acquisti più diffuso, di cui approfitta il 43% degli italiani. Seguono poi moda, per il 29%, elettrodomestici, 26%, prodotti e arredi per la casa ed infine viaggi, visto che le stesse compagnie aeree si mobilitano per l’occasione. A questi si aggiunge un 20% che è ancora incerto e deciderà dopo aver guardato le offerte.

 

Scrivi una replica

News

Venezuela, una persona è stata uccisa dall’esercito venezuelano al confine con il Brasile

Un civile è stato ucciso e altri 12 sono stati feriti dall’esercito venezuelano al confine tra il Venezuela e il Brasile. Lo riferisce il Washington…

22 Feb 2019 / 1 Commento / Leggi tutto »

Tria: «Le regole dell’Ue non consento interventi anti-crisi»

«Le regole europee approvate in fretta quasi un decennio fa possono funzionare durante periodi di crescita ma non rispondono all’esigenza di far fronte al veloce…

22 Feb 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conte: «Spero in un confronto sull’acqua»

«L’acqua pubblica è un bene comune per eccellenza, è scritto anche nel contratto di governo, e auspico, nel rispetto delle Camere, che l’esame possa procedere…

22 Feb 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord, Pyongyang: «La figlia dell’ambasciatore voleva tornare. Nessun caso politico»

«L’ex ambasciatore nordcoreano Jo Song Gil non aveva alcun motivo politico per disertare. E sua figlia odiava i genitori perché la lasciavano a casa da…

22 Feb 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia