Commercio extra-UE, crescono le esportazioni a ottobre | T-Mag | il magazine di Tecnè

Commercio extra-UE, crescono le esportazioni a ottobre

L'Istat osserva «un rilevante aumento congiunturale» che segue la flessione di settembre (-2,8%). Su base tendenziale Stati Uniti e India tra i mercati più positivi
di Redazione

A ottobre 2018 si stima, per i flussi commerciali da e verso i paesi extra Ue, un rilevante aumento congiunturale per le esportazioni (+5,3%), che segue la flessione di settembre (-2,8%), e un lieve calo per le importazioni (-0,1%). Così l’Istat, che spiega: «L’incremento congiunturale delle esportazioni è esteso a quasi tutti i raggruppamenti principali di industrie, con l’eccezione dei beni di consumo durevoli (-1,4%). I beni di consumo non durevoli (+13,5%) e l’energia (+6,8%) registrano un aumento molto marcato. Dal lato dell’import, la flessione è intensa per i beni strumentali (-4,3%) e i beni di consumo durevoli (-4,1%). Gli acquisti di beni intermedi (+2,2%) sono invece in aumento».

Nell’ultimo trimestre, rileva l’Istituto nazionale di statistica, la dinamica congiunturale dell’export verso i paesi extra Ue risulta positiva (+1%), ma questo effetto è quasi esclusivamente spiegato dal marcato aumento dell’energia (+23,9%). Nello stesso periodo, le importazioni sono in forte crescita congiunturale (+5,4%), determinata soprattutto dai beni di consumo durevoli (+7,8%), dall’energia (+6,8%) e dai beni strumentali (+5,7%).

A ottobre 2018, le esportazioni sono in forte aumento anche su base annua (+11,6% che si riduce a +7,6% eliminando l’effetto prodotto dal diverso numero di giorni lavorativi). L’aumento è rilevante per i beni di consumo non durevoli (+23,8%) e i beni intermedi (+13,5%). Le importazioni registrano un forte aumento tendenziale (+24,9% che si riduce a +20,3% dopo la correzione per i giorni di calendario), determinato principalmente dall’energia (+42,2%), dai beni di consumo durevoli (+35,5%) e dai beni intermedi (+24,4%).

Il surplus commerciale a ottobre 2018 è stimato pari a +3.045 milioni, in diminuzione rispetto a +4.279 milioni di ottobre 2017. Da inizio anno diminuisce l’avanzo nell’interscambio di prodotti non energetici (da +54.818 milioni per il 2017 a +54.622 milioni per il 2018).

A ottobre 2018 l’export tendenziale verso gli Stati Uniti (+22,3%), India (+17,5%), Svizzera (+16,3%) e Giappone (+15,0%) è in forte aumento. In flessione le vendite di beni verso la Turchia (-23,7%) e i paesi MERCOSUR (-14,8%). Gli acquisti da paesi ASEAN (+44,6%), Medio Oriente (+41,4%), paesi OPEC (+33,9%), Turchia (+27,6%) e Cina (+25,5%) registrano incrementi tendenziali molto più ampi della media delle importazioni.

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Francia, scioperi anti-Macron. Tensione altissima

Lo sciopero contro la riforma delle pensioni del governo Macron blocca la Francia e crea tensioni. A scendere in piazza sono stati gillet gialli, insegnati,…

5 Dic 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Roma è la peggiore città europea in cui trasferirsi nel 2020

Stando alla classifica Expat City Ranking, diffusa da InterNations, la più grande comunità di espatriati del mondo, Roma risulta la peggiore città europea in cui…

5 Dic 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fco, Fisco vuole 1,3 miliardi per Chrysler

Bloomberg ha reso noto che l’Agenzia delle entrare ha contestato a Fca di aver sottostimato le attività americane di Chrysler per 5,1 miliardi di euro…

5 Dic 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mes, Gualtieri: «È stato raggiunto un accordo di principio»

«È stata una giornata lunga ma positiva, è stato definito un accordo di principio che dovrà essere finalizzato in linea con le procedure nazionali quindi…

5 Dic 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia