Come i diciottenni hanno speso il bonus cultura | T-Mag | il magazine di Tecnè

Come i diciottenni hanno speso il bonus cultura

I libri vanno per la maggiore. Segue la musica dall'acquisto di cd all'abbonamento a Spotify, fino ai concerti
di Redazione

Il Ministro per i Beni e le Attività Culturali, Alberto Bonisoli, ha firmato il Decreto attuativo che estende il bonus cultura erogato a tutti i diciottenni italiani, per un ulteriore anno, dopo l’approvazione del Consiglio di Stato che il 15 giugno di quest’anno aveva stabilito che per finanziare il bonus nel 2018 e nel 2019 sarebbe servita una legge apposita. Il bonus quest’anno previsto per i nati nel 2000, dà la possibilità a tutti coloro che nel 2018 hanno compiuto, o dovranno compiere, 18 anni di ottenere il buono da spendere in prodotti culturali tramite l’iscrizione alla piattaforma 18app.it entro il 30 giugno 2019 e spendere i 500 euro del buono entro il 31 dicembre dello stesso anno.

Gli ultimi dati resi noti dalla piattaforma e relativi al periodo tra il 19 settembre 2017 e il 30 giugno 2018, i neo maggiorenni iscritti sono stati 417 mila, 5.346 esercenti aderenti per una spesa complessiva di 110 milioni di euro. Il bonus dei ragazzi è stato speso in misura maggiore per libri, voce per cui sono stati registrati acquisti quasi per 72 milioni ovvero il 66% del totale, a seguire 13,7 milioni per la sezione musica – inserita nella seconda edizione di 18app -, quindi cd, l’abbonamento a Spotify, 11 milioni e mezzo per concerti, 9,6 milioni di euro per il cinema, un milione e mezzo in formazione, poco più di 1 milione per teatro e danza, 490 mila euro in eventi culturali e 396 mila per i musei.

L’ultimo confronto effettuato dal Mibact con i dati aggiornati a fine 2017, mostra che nelle prime dieci settimane della seconda edizione, oltre ad essere aumentati gli ambiti di spesa, cresce anche il numero di maggiorenni accreditati, +8%, mentre raddoppia la spesa, che registra un aumento del 97%, corrispondente ad una spesa di oltre 15,4 milioni di euro.

In generale, secondo i dati del ministero, in poco più di un anno, dal 3 novembre 2016 al 30 novembre 2017, quasi 600 mila diciottenni hanno speso oltre 163 milioni di euro di bonus cultura per comprare prodotti culturali acquistati, nel 54% dei casi online. La divisione della spesa è simile a quella dell’ultimo anno: più dell’80% del totale nei due anni del bonus cultura ha riguardato i libri, 98% cartacei e il 2% di ebook, seguono concerti e musica, che insieme rappresentano oltre il 10% della spesa, e cinema con il 7% del valore complessivo.

 

Scrivi una replica

News

Prezzi al consumo, a luglio inflazione invariata su base mensile

«Nel mese di luglio 2019, si stima che l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registri una variazione…

9 Ago 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito, nel secondo trimestre Pil in calo

Nel secondo trimestre 2019 il Prodotto interno lordo del Regno Unito è diminuito dello 0,2%. Lo ha reso noto l’Office for National Statistics – l’Ufficio…

9 Ago 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Di Maio: «Andare al voto non è un problema»

«Nessun problema ad andare al voto. Anzi, dopo quel che è successo ci corriamo alle urne». Lo ha scritto il vice presidente del Consiglio e…

9 Ago 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Codacons: «Stangata da 1.200 euro a famiglia con aumento Iva»

La crisi di Governo costerà miliardi di euro all’economia italiana, e porterà in prima battuta all’aumento delle aliquote Iva a partire dal 2020. Lo afferma…

9 Ago 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia