Cdp approva il Piano 2019-2021: 200 miliardi per sostenere le imprese | T-Mag | il magazine di Tecnè

Cdp approva il Piano 2019-2021: 200 miliardi per sostenere le imprese

Il Gruppo Cassa depositi e prestiti ha approvato il Piano industriale 2019-2021. Nella nota si legge che il Gruppo «mobiliterà oltre 110 miliardi di euro di risorse proprie per la crescita economica e lo sviluppo sostenibile del Paese, attivando oltre 90 miliardi di risorse aggiuntive da investitori privati e altre istituzioni territoriali, nazionali e sovranazionali».

Quattro le principali linee di intervento del Gruppo:

CDP Imprese: 83 miliardi di euro per sostenere le imprese con un’offerta integrata, vicina alle loro esigenze e focalizzata su innovazione, crescita ed export; anche attraverso un canale fisico rafforzato ed un canale digitale;

CDP Infrastrutture, Pubblica Amministrazione e Territorio: 25 miliardi di euro con un ruolo proattivo nella promozione, realizzazione e finanziamento delle infrastrutture; rilanciando una nuova partnership con la Pubblica Amministrazione sul Territorio;

CDP Cooperazione: 3 miliardi di euro per diventare co-finanziatore nei Paesi in via di sviluppo;

Grandi Partecipazioni Strategiche: rafforzamento delle competenze settoriali e industriali; al fine di gestire il portafoglio di partecipazioni anche in logica industriale di lungo termine.
Per rispondere alle sfide del Paese e agli obiettivi del Piano, nuovo modello operativo e iniziative per la solidità patrimoniale e la tutela del risparmio, ponendo per la prima volta una forte attenzione alla promozione dello sviluppo sostenibile e inclusivo.

“Questo Piano Industriale – ha affermato il Presidente di Cassa depositi e prestiti, Massimo Tononi – rappresenta un passaggio molto innovativo e allinea le strategie di Cassa depositi e prestiti con i grandi trend globali e gli Obiettivi di sviluppo sostenibile definiti dall’Agenda 2030 dell’ONU. Al tempo stesso conferma il profondo legame di Cassa depositi e prestiti con i suoi valori storici: il sostegno all’economia del Paese e al suo sviluppo, da un lato, e dall’altro la gestione e la tutela del risparmio che ci è stato affidato da milioni di italiani”.

“Il Piano industriale approvato oggi – ha dichiarato l’Amministratore Delegato di Cassa depositi e prestiti Fabrizio Palermo – sancisce l’avvio di una nuova fase di Cassa depositi e prestiti che, con un impegno senza precedenti, assumerà nel prossimo triennio un ruolo di crescente proattività nel sostenere la crescita economica e lo sviluppo sostenibile. Stiamo introducendo un nuovo modello operativo che punta all’ulteriore rafforzamento delle competenze di Gruppo, alla semplificazione organizzativa e operativa. Una trasformazione di grande respiro, che ci consentirà di attivare ingenti risorse in favore di imprese e territori, aumentando il numero e l’efficacia dei nostri interventi per favorire la crescita del Paese.”

(fonte: Cassa Depositi e Prestiti)

 

Scrivi una replica

News

Governo, Salvini: «Continua al 100% dopo le elezioni»

«Il governo continua al 100% dopo le elezioni». Lo ha detto il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, intervenendo nel corso della trasmissione radiofonica Un giorno da…

22 Mag 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, Salvini: «Tutti i vincoli di bilancio vanno rimossi»

Tutti i vincoli di bilancio previsti dai trattati europei dovrebbero essere rimossi. Lo ha detto il ministro dell’Interno e leader della Lega, Matteo Salvini, intervenendo…

22 Mag 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Tria: «La crescita dell’economia italiana sarà superiore alle stime del governo»

L’economia italiana crescerà di più rispetto alle stime del governo, pari a +0,2% nel 2019 e a +0,8% nel 2020. Lo ha detto il ministro…

22 Mag 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Austria, giurano i nuovi ministri tecnici

In Austria giurano i ministri tecnici che sostituiscono quelli della Fpoe, dopo le dimissioni delle ultime ore a causa dello scandalo politico che ha colpito…

22 Mag 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia