«La leadership perduta dell’Unione europea» | T-Mag | il magazine di Tecnè

«La leadership perduta dell’Unione europea»

Il quadro socioeconomico secondo il Censis: la fiducia nell'Ue è elevata se il giudizio sulla situazione del proprio paese è positivo
di Redazione

«Nell’Unione europea vive il 6% della popolazione mondiale, si produce il 22% del Pil e l’euro è il secondo mezzo di pagamento negli scambi planetari. Tra l’area dell’euro e l’Ue a 28 Paesi i tassi di crescita nel 2017 risultano allineati intorno al 2,4% e il rapporto debito/Pil è in media al di sotto del 90%. Al più alto Pil pro-capite dell’area dell’euro (quasi 33.000 euro annui, contro i 30.000 dell’intera Ue) si affianca un tasso di disoccupazione di un punto e mezzo in più tra chi non aderisce alla moneta unica. La quota di popolazione esposta al rischio di povertà o esclusione sociale si aggira per le due aree intorno al 22%. Ma emerge il fallimento dei processi di convergenza. Tra i 19 Paesi aderenti all’euro, solo sette hanno un rapporto debito/Pil inferiore al 60% come stabilito negli accordi di Maastricht, e degli altri 12 sono in quattro a presentare una quota superiore al 100%». È il quadro economico dell’Ue presentato dal Censis nell’annuale Rapporto sulla situazione sociale del paese.

Alla vigilia delle elezioni europee del 2014, ricorda il Censis, nel mezzo della crisi, i cittadini dei 28 Stati che dichiaravano di avere fiducia nell’Ue erano il 31%, ovvero 11 punti in meno del valore registrato nella primavera di quest’anno (42%). Nei Paesi in cui è elevata la fiducia nell’Ue e contemporaneamente è positivo il giudizio sulla situazione del proprio Paese si è registrata una forte risalita post-crisi, con una variazione del Pil nel periodo 2012-2017 che oscilla tra il +55,3% in termini reali dell’Irlanda e il +4% della Finlandia. Al contrario, nel gruppo di Paesi in cui la fiducia nell’Europa è bassa, anche il giudizio sulla situazione interna è negativo: tra questi figura l’Italia, insieme a Francia, Regno Unito, Spagna e Grecia. In questo gruppo il timore di rimanere senza un’occupazione è espresso dall’83% dei cittadini in Grecia e dal 69% in Italia, contro una media europea solo del 44%.

Le giovani generazioni in Europa sono una minoranza. La quota di cittadini europei di età compresa tra 15 e 34 anni è pari al 23,7%, quella dei giovanissimi (15-24 anni) ha un’incidenza di poco superiore al 10%. In dieci anni, dal 2007 al 2017, la coorte dei 15-34enni si è contratta dell’8%. L’Italia, con la sua quota del 20,8% di giovani di 15-34 anni sulla popolazione complessiva, di tutti i 28 Paesi membri dell’Ue è quello con la più bassa percentuale di giovani, diminuita nel decennio del 9,3%. Libera circolazione, euro e diversità culturali come valori positivi rappresentano però le tre principali accezioni attribuite all’Europa dai giovani europei.

(fonte: Censis)

 

Scrivi una replica

News

Tecnè e la redazione di T-Mag augurano una felice Pasqua a tutti i lettori

L’istituto di ricerca Tecnè e la redazione di T-Mag augurano una felice Pasqua a tutti i lettori. Vi diamo appuntamento al 23 aprile, quando riprenderemo…

19 Apr 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Libia, Parigi esclude intervento militare per risolvere la crisi

«Non è possibile pensare a nessuna soluzione militare nella crisi in Libia, solo con il dialogo politico si può arrivare alle elezioni». Lo ha detto…

19 Apr 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Europee, Mattarella: «Il vento del sovranismo non minaccerà l’esistenza dell’Ue»

«Il vento del sovranismo non minaccerà l’esistenza dell’Ue». Lo ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, intervenendo nel corso di un’intervista Politique Internationale. «Vi…

19 Apr 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cina, Weibo censura Leica per uno spot che cita le proteste di piazza Tienanmen

Weibo – una piattaforma di microblogging cinese – ha censurato Leica, la società tedesca di macchine fotografiche, a causa di uno spot in cui venivano…

19 Apr 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia