Gli italiani tra risparmio, investimenti e consumi | T-Mag | il magazine di Tecnè

Gli italiani tra risparmio, investimenti e consumi

Così l'Osservatorio Findomestic: rispetto al 2018 si dimezza la quota di coloro che prevedono di non riuscire a risparmiare, mentre uno su tre si aspetta di mettere da parte fino al 10% del proprio reddito. Per i consumi la spesa aumenterà per oltre un italiano su cinque
di Redazione

Gli intervistati da Findomestic per l’Osservatorio mensile di gennaio sembrano esprimere giudizi positivi: se nell’anno appena concluso 4 su 10 non hanno accantonato nulla, per il 2019 quasi si dimezza (26%) la quota di coloro che prevedono di non riuscire a risparmiare, mentre uno su tre (33%) si aspetta di mettere da parte fino al 10% del proprio reddito. E anche sul fronte dei consumi la spesa aumenterà per oltre un italiano su cinque (21%), anche se calerà per uno su sette (14%). Tra quel 21% che quest’anno spenderà più del 2018, uno su quattro stima un incremento fino al 5%, il 29% tra il 5 e il 10% e il 21% tra il 10 e il 20%. Uno su dieci, inoltre, prevede di spendere anche più del 20% rispetto al 2017.

Il 27% degli intervistati prevede che l’aumento dei consumi sarà riservato prima di tutto per spese mediche, stessa quota per le spese di spostamenti, auto e moto, a seguire aumenteranno i costi per generi alimentari, viaggi e vacanze. Tra le voci di spesa che invece che gli intervistati prevedono di diminuire compaiono quelle legate all’acquisto di mobili, abbonamenti tv e servizi on-demand e anche a spese più contenute come cene fuori, prevista in diminuzione del 27%, libri e tempo libero, -19%.

In linea generale gli intervistati, valutando la propria situazione personale, si dicono ottimisti: il 60% di essi dichiara di essere ottimista o moderatamente ottimista. Percentuale che invece si ribalta se l’oggetto di osservazione diventa il paese nel complesso: in questo caso il 65% appare invece pessimista o moderatamente pessimista.

La maggiore propensione al risparmio dichiarata dagli intervistati, poco meno della metà del campione – il 47% – prevede di investire nel 2019, per il 14% di essi specie se pensionati, la scelta ricadrà su prodotti finanziari, e beni immobili, il 10% su cui puntano invece soprattutto i giovani under 35. Mentre la restante parte opterà per investimenti in gioielli e criptovalute – che compreranno in particolar modo studenti universitari e giovani professionisti -, scelte entrambe dal 4%, ed infine opere d’arte.

 

Scrivi una replica

News

Prezzi al consumo, a luglio inflazione invariata su base mensile

«Nel mese di luglio 2019, si stima che l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registri una variazione…

9 Ago 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito, nel secondo trimestre Pil in calo

Nel secondo trimestre 2019 il Prodotto interno lordo del Regno Unito è diminuito dello 0,2%. Lo ha reso noto l’Office for National Statistics – l’Ufficio…

9 Ago 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Di Maio: «Andare al voto non è un problema»

«Nessun problema ad andare al voto. Anzi, dopo quel che è successo ci corriamo alle urne». Lo ha scritto il vice presidente del Consiglio e…

9 Ago 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Codacons: «Stangata da 1.200 euro a famiglia con aumento Iva»

La crisi di Governo costerà miliardi di euro all’economia italiana, e porterà in prima battuta all’aumento delle aliquote Iva a partire dal 2020. Lo afferma…

9 Ago 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia