La corruzione tra realtà e rappresentazione, l’indagine Eurispes | T-Mag | il magazine di Tecnè

La corruzione tra realtà e rappresentazione, l’indagine Eurispes

Secondo il rapporto Eurispes sul tema, i livelli percepiti sono superiori a quelli effettivi
di Redazione

Secondo il rapporto Eurispes La corruzione tra realtà e rappresentazione. Ovvero come si piò alterare la reputazione di un Paese, che rilegge gli indici internazionali sul tema, i livelli di corruzione percepiti in Italia sono superiori a quelli effettivi e questa rappresentazione distorta e ancor più negativa può avere effetti svantaggiosi per l’economia del paese.

Come sostiene la Banca Mondiale, secondo cui la corruzione sia il maggior ostacolo allo sviluppo economico e sociale di un paese. Dall’analisi effettuata dall’Istituto di ricerca partendo dagli indici internazionali riguardo la trasparenza, la libertà e la competitività emerge che l’Italia occupa sempre posizioni che poco convengono ad uno stato democratico e potenza mondiale, ma questi sono principalmente indicatori soggettivi che quindi tengono conto della percezione che i cittadini hanno del paese.

A conferma di ciò, secondo l’Ocse l’Italia è il paese con la più alta percentuale di corruzione percepita tra gli stati membri, circa il 90%, dato simile a quello emerso nella graduatoria, che ci vede alla 69esima posizione, del Transparency International, associazione contro la corruzione, secondo cui, sulla base del Corruption Perception Index, l’85% della popolazione italiana è convinto che le Istituzioni e i politici siano corrotti. Ma, sempre secondo l’associazione, alla domanda rivolta ad un campione di cittadini, se nell’ultimo anno avessero assistito direttamente o indirettamente tramite familiari a episodi o casi di corruzione, la risposta è risultata in linea con gli altri paesi economicamente sviluppati.

Questo fenomeno è detto “sindrome del Botswana” che descrive la tendenza ad assimilare l’Italia a paesi che dal punto di vista economico, del benessere e dello sviluppo sociale sono difficilmente assimilabili al nostro. La mancanza di una testimonianza empirica diretta del fenomeno corruttivo che emerge dalla domanda posta dal Transparency International potrebbe però essere associato anche alla difficoltà nel definire quando un episodio sia corruzione o meno. Secondo l’Eurispes emerge quindi la necessità di un indicatore composito che sappia ridefinire gli standard e le variabili degli indici internazionali.

 

Scrivi una replica

News

Prezzi al consumo, a luglio inflazione invariata su base mensile

«Nel mese di luglio 2019, si stima che l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registri una variazione…

9 Ago 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito, nel secondo trimestre Pil in calo

Nel secondo trimestre 2019 il Prodotto interno lordo del Regno Unito è diminuito dello 0,2%. Lo ha reso noto l’Office for National Statistics – l’Ufficio…

9 Ago 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Di Maio: «Andare al voto non è un problema»

«Nessun problema ad andare al voto. Anzi, dopo quel che è successo ci corriamo alle urne». Lo ha scritto il vice presidente del Consiglio e…

9 Ago 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Codacons: «Stangata da 1.200 euro a famiglia con aumento Iva»

La crisi di Governo costerà miliardi di euro all’economia italiana, e porterà in prima battuta all’aumento delle aliquote Iva a partire dal 2020. Lo afferma…

9 Ago 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia