I Centri per l’impiego e i canali informali di ricerca del lavoro | T-Mag | il magazine di Tecnè

I Centri per l’impiego e i canali informali di ricerca del lavoro

Al riguardo i dati Eurostat documentano il divario tra quanto avviene in Italia e negli altri paesi europei. In generale, comunque, le persone preferiscono rivolgersi ad amici, parenti o conoscenti
di Redazione

Il Reddito di cittadinanza (RdC), una delle due misure cardine del governo Conte (l’altra è Quota 100 che riforma le modalità di accesso alla pensione), «presenta alcune caratteristiche comuni con il Reddito di inclusione (misura di contrasto alla povertà approvata dal governo Gentiloni, ndr), in particolare l’intento di associare le misure di sostegno del reddito delle famiglie in condizioni economiche di bisogno con l’individuazione di un percorso di inclusione lavorativa, che richiede un potenziamento del sistema di politiche attive del lavoro». È l’Istat ad averlo osservato in audizione al Senato, in commissione Lavoro. E a proposito di politiche attive del lavoro – ovvero tutte quelle iniziative volte a promuovere l’occupazione e l’inserimento lavorativo –, un ruolo fondamentale in questo senso sarà quello svolto dai Centri per l’impiego (Cpi). Ruolo che però l’Istat, già in precedenza, aveva definito «limitato». Vediamo perché.

Innanzitutto, cosa sono esattamente i Centri per l’impiego? L’Anpal (Agenzia nazionale Politiche attive del Lavoro) li descrive così: «Sono strutture pubbliche coordinate dalle Regioni che favoriscono sul territorio l’incontro tra domanda e offerta di lavoro e attuano iniziative e interventi di politiche attive del lavoro. Le attività dei Centri per l’impiego sono rivolte ai cittadini disoccupati, ai lavoratori beneficiari di strumenti di sostegno al reddito in costanza di rapporto di lavoro e a rischio disoccupazione, nonché ai lavoratori occupati in cerca di nuova occupazione».

Di recente alcune inchieste giornalistiche hanno messo in risalto i ritardi di tali strutture. Tutte questioni che andranno affrontate per rendere efficienti i servizi. Anche perché – rileva l’Istat – i dati Eurostat sui “servizi per il mercato del lavoro” «documentano il significativo divario italiano rispetto agli altri principali paesi europei: nel 2015 la spesa risultava in Italia pari allo 0,04% del Pil, rispetto allo 0,36 della Germania, allo 0,25 della Francia e allo 0,14 della Spagna. In termini di spesa per l’insieme di disoccupati e forze lavoro potenziali, si va dai circa 3.700 euro pro-capite spesi dalla Germania, ai 1.300 della Francia, ai 250 della Spagna, ai 100 dell’Italia». Alle modeste risorse pubbliche investite, prosegue l’Istat nella sua analisi, corrisponde anche un minore ricorso da parte dei cittadini ai canali istituzionali di ricerca di lavoro. «I dati della Rilevazione sulle forze di lavoro, comparabili a livello europeo, mostrano che negli altri paesi i centri pubblici per l’impiego svolgono un ruolo molto più rilevante sul mercato del lavoro».

Questi i numeri: «Nel 2017 ha contattato i centri il 45,2% dei disoccupati nell’Ue28, il 74,5% in Germania, il 58,1% in Francia, il 25,2% in Spagna, il 25,4% in Italia. In Italia è basso anche il corrispondente dato relativo ai centri privati: 14,7% contro, ad esempio, il 28,6% della Spagna». Per queste ragioni, viene osservato, «il legislatore ha previsto che una parte consistente del Fondo per il reddito di cittadinanza, per un importo fino a 1 miliardo di euro per gli anni 2019-2021, sia destinata al loro potenziamento».

Come avviene la ricerca di lavoro, dunque? Anche qui è utile recuperare i dati Istat (anno di riferimento 2017). In Italia viene affidata soprattutto ai canali di tipo informale. L’87,3% delle persone in cerca di lavoro si è rivolto a parenti, amici e conoscenti, un valore in aumento rispetto a quello registrato prima della crisi (era all’81,2% nel 2007). La quota è superiore nel Mezzogiorno (88,7%) e fra gli uomini (88,9% rispetto all’85,6% delle donne), aumenta al crescere dell’età (90,1% per gli ultracinquantenni) ed è maggiore per gli stranieri (91% rispetto all’86,8% degli italiani). Inoltre diminuisce al crescere del titolo di studio (73,8% per chi è laureato).

Le altre azioni di ricerca frequentemente adottate restano l’invio di un curriculum (70,3%) e la consultazione di Internet (59,8%). Riguardo i Centri pubblici per l’impiego, nel 2017, appunto, vi si è rivolto in media circa un quarto delle persone in cerca di lavoro. E sebbene il ricorso ai Cpi sia cresciuto negli anni della crisi (si attestava al 31,6% nel 2012), sempre meno persone si sono rivolte alla strutture nei periodi successivi. I contatti sono più frequenti nelle regioni del Nord (30,3% delle persone in cerca rispetto al 19,2% del Mezzogiorno), tra gli uomini (25,4% rispetto al 22,7% delle donne) e nelle fasce di età superiore ai 50 anni (26,2% rispetto al 23,3% dei giovani fra i 15 e i 34 anni). E riguardano principalmente le persone con titolo di studio intermedio: la quota è pari al 25% tra i diplomati rispetto al 21,7% delle persone con almeno la laurea.

A questi numeri vanno associati altri, di certo non trascurabili: quasi due imprese su tre – stavolta la rilevazione è di Unioncamere, che nell’estate del 2018 intervenne in audizione al Senato nell’ambito dell’indagine conoscitiva sul funzionamento dei servizi pubblici per l’impiego – ricercano il personale con canali informali, appena il 2% utilizza i Centri per l’impiego. «Anche sul versante privato solo il 5% delle imprese fanno ricorso alle agenzie del lavoro, associazioni imprenditoriali e società di somministrazione».

 

Scrivi una replica

News

Travolta dai debiti, WeWork salvata da SoftBank

WeWork – start-up di coworking – potrà contare su un piano di salvataggio da 9,5 miliardi di dollari. A raccogliere i fondi è stato Softbank,…

23 Ott 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «I curdi devono allontanarsi dal confine altrimenti i turchi li schiacciano»

«Gli Stati Uniti hanno tradito i curdi, che ora devono allontanarsi dal confine turco-siriano come prevede l’accordo raggiunto ieri da Mosca e Ankara, altrimenti saranno…

23 Ott 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Siria, Assad accetta la spartizione

Bashar Al Assad ha accettato l’accordo tra Russia e Turchia che riguarda la spartizione in aree di controllo e influenza tra truppe di Ankara e…

23 Ott 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, si allungano i tempi. Ipotesi elezioni anticipate nel Regno Unito

L’uscita del Regno Unito dall’Unione europea potrebbe non avvenire il 31 ottobre, come da sempre auspicato dal premier britannico, Boris Johnson, ma soltanto in seguito.…

23 Ott 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia