Agromafie, volume d’affari in crescita | T-Mag | il magazine di Tecnè

Agromafie, volume d’affari in crescita

Il peso complessivo è arrivato a toccare i 24,5 miliardi di euro, il 12,4% in più rispetto allo scorso anno. Vittima oltre un italiano su cinque. Attenzione ai cibi low cost

di Redazione

Le agromafie sono immuni alla bassa crescita dell’economia italiana e di quella internazionale, resistenti alle tensioni commerciali a livello mondiale e noncuranti delle barriere che impediscono il libero movimento di merci e capitali. Questo, in sintesi, è quanto emerge dal sesto rapporto Agromafie 2018 elaborato da Coldiretti, Eurispes e Osservatorio sulla criminalità nell’agroalimentare. Il volume d’affari complessivo delle agromafie è cresciuto, arrivando a toccare i 24,5 miliardi di euro, pari al 12,4% in più rispetto allo scorso anno. In crescita anche i reati nel settore agroalimentare (+59%) con alcuni settori colpiti più di altri.

I consumatori italiani prediligono i prodotti alimentari del Made in Italy

Entrando nel dettaglio, il rapporto si concentra ad esempio sul vino con +75% nelle notizie di reato, la carne dove sono addirittura raddoppiate le frodi (+101%), le conserve con +78% e lo zucchero: in dodici mesi si è passati da zero e 36 episodi di frode.

Oltre un italiano su cinque, viene sottolineato nell’indagine, è stato vittima di frodi alimentari con l’acquisto di cibi fasulli, avariati e alterati. Un occhio di riguardo ai cibi low cost, spesso prodotti con ingredienti di minore qualità o metodi alternativi che a volte possono mascherare anche vere e proprie illegalità. Colpito anche il biologico, denuncia Coldiretti.

I consumatori italiani prediligono, nella grandissima maggioranza dei casi, i prodotti alimentari Made in Italy (82,7%). Il 67,7% controlla l’etichettatura e la provenienza dei prodotti. In àmbito alimentare gli italiani si orientano nella gran parte dei casi verso i prodotti di stagione, privilegiati dal 73,7%, verso i prodotti con marchio Dop, Igp, Doc (il 56% li compra spesso) e senza olio di palma (55,8%); quasi la metà (49,3%) privilegia i prodotti a Km 0. I prodotti biologici vengono acquistati spesso dal 41,3% del campione. Superano un terzo (37%) i consumatori che, indipendentemente dalla provenienza, scelgono i prodotti più economici.

(fonte: Eurispes)

 

Scrivi una replica

News

Terrorismo, i curdi siriani: «Istituire un tribunale internazionale per i miliziani dell’Isis»

Istituire un “tribunale internazionale” per processare i presunti miliziani dello Stato islamico, attualmente detenuti nelle carceri curde, nel nord-est della Siria. A chiederlo formalmente sono…

26 Mar 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Israele, Netanyahu: «Pronti a entrare a Gaza»

IHamas deve sapere che «non esiteremo a entrare» nella Striscia di Gaza. A dirlo è stato il premier israeliano, Benjamin Netanyahu, intervenendo mentre lasciava gli…

26 Mar 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Venezuela, nuovo blackout: scuole chiuse per 24 ore

In seguito al nuovo blackout che ha colpito la città di Caracas e almeno 15 stati venezuelani, il governo del Venezuela ha ordinato la sospensione…

26 Mar 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Merkel a Xi Jinping: «Più reciprocità su Via della Seta»

«Più reciprocità», è la richiesta che la cancelliera tedesca ha fatto al presidente cinese Xi Jinping, in occasione del vertice all’Eliseo, dove erano presenti anche…

26 Mar 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia