Diminuiscono in Italia gli sbarchi e i richiedenti asilo | T-Mag | il magazine di Tecnè

Diminuiscono in Italia gli sbarchi e i richiedenti asilo

Secondo i dati Eurostat, il nostro paese riceve l’8% di tutte le richieste ed è al quarto posto tra i paesi dell’UE (al primo la Germania, con il 28%)

di Redazione

Secondo i dati diffusi dal Viminale dal primo gennaio al 15 marzo 2019 è drasticamente diminuito il numero di migranti sbarcati in Italia, 335 in confronto ai 5.945 persone arrivate nel paese nello stesso periodo del 2018. Le statistiche quindi segnalano un crollo del 94,37%.

I dati in diminuzione riguardano anche, in riferimento al 2018, secondo le statistiche diffuse dall’Eurostat, il numero dei richiedenti asilo per la prima volta registrati nell’anno. Secondo questi, lo scorso anno si sono registrate 580.800 nuove richieste di asilo, l’11% in meno rispetto al 2017 -e meno della metà di quelle registrate nel 2015 -, diminuzione che per l’Italia è stata del 61%, passando dalle 126.550 richieste di protezione internazionale alle 49.165 del 2018.

Al contrario i paesi europei che lo scorso anno hanno registrato un aumento delle prime richieste di asilo rispetto al 2017 sono stati: Cipro, +70% e Spagna, +60%, seguita a distanza da Belgio, Paesi Bassi e Francia, che hanno registrato un incremento delle prime richieste compreso tra il 20 e il 29%.

Nello specifico il nostro paese riceve l’8% di tutte le richieste ed è al quarto posto tra i paesi dell’Unione Europea. Lo stato membro più richiesto resta la Germania, che ne raccoglie il 28%, seguito dalla Francia e dalla Spagna a cui arrivano rispettivamente l’11% e il 9% delle richieste totali. Quella siriana si conferma ancora, com’è dal 2013, la prima nazionalità per richieste di asilo in Europa, rappresentando il 14% del totale e in otto paesi europei, prima tra tutti la Germania.

La seconda nazionalità per richiedenti è quella afgana, il 7% del totale, che concentra le proprie richieste soprattutto in Grecia e terzi gli iracheni, anch’essi richiedenti soprattutto in Germania.

Nello specifico l’andamento in Italia non rispecchia la media europea: la principale nazionalità dei richiedenti asilo è stata nel 2018 quella pakistana, il 15% del totale, seguita da quella nigeriana e quella bengalese, rispettivamente 10 e 8% del totale.

 

Scrivi una replica

News

Libia, Moavero: «Ue si tenga pronta a intervenire in caso di eventuali flussi migratori»

«Nei giorni scorsi ho scritto alla Commissione europea che si tenga pronta all’azione nel caso si dovessero verificare flussi consistenti e improvvisi di migranti dalla…

24 Apr 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Arabia Saudita, eseguite trentasette condanne a morte

Trentasette persone sono state condannate a morte, in Arabia Saudita. Le condanne sono state eseguite martedì, una delle quali per crocifissione. Il regime saudita ha…

24 Apr 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Libia, Sarraj: «La Francia sostiene Haftar»

Il premier libico Fayez al-Sarraj ha accusato la Francia di sostenere il generale Khalifa Haftar. «Siamo sorpresi del fatto che la Francia non sostenga il…

24 Apr 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Export in calo dello 0,4% a marzo»

«A marzo 2019 si stima una lieve flessione congiunturale per le esportazioni (-0,4%) e un contenuto aumento per le importazioni (+0,4%). La flessione congiunturale delle…

24 Apr 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia