Arresto Marcello De Vito, Di Maio: «Fuori dal Movimento 5 Stelle» | T-Mag | il magazine di Tecnè

Arresto Marcello De Vito, Di Maio: «Fuori dal Movimento 5 Stelle»

«Marcello De Vito è fuori dal MoVimento 5 Stelle. Mi assumo io la responsabilità di questa decisione. Quanto emerge in queste ore, oltre ad essere grave è vergognoso, moralmente basso e rappresenta un insulto a ognuno di noi, a ogni portavoce del MoVimento nelle istituzioni, ad ogni attivista che si fa il mazzo ogni giorno per questo progetto». Così il leader del M5S, Luigi Di Maio, in merito alla notizia dell’arresto di Marcello De Vito, presidente dell’assemblea capitolina del M5S, per corruzione nell’ambito della inchiesta della Procura sul nuovo stadio della Roma (vicenda che ha portato ad altri tre arresti e perquisizioni in Campidoglio).

«Non è una questione di garantismo o giustizialismo – prosegue Di Maio -, è una questione di responsabilità politica e morale: è evidente che anche solo essere arrivati a questo, essersi presumibilmente avvicinati a certe dinamiche, per un eletto del MoVimento, è inaccettabile. De Vito non lo caccio io, lo caccia la nostra anima, lo cacciano i nostri principi morali, i nostri anticorpi. Ciò che ha sempre distinto il MoVimento dagli altri partiti è la reazione di fronte a casi del genere. De Vito potrà e dovrà infatti difendersi in ogni sede, nelle forme previste dalla legge, ma lo farà lontano dal MoVimento 5 Stelle».

Ringrazio la magistratura e le forze di polizia per il lavoro che hanno svolto e che continueranno a svolgere quotidianamente. 
Ricordo infine che proprio grazie a un provvedimento del MoVimento 5 Stelle, lo Spazzacorrotti, chi viene condannato per questi reati oggi va dritto in galera!

»

 

Scrivi una replica

News

Libia, Moavero: «Ue si tenga pronta a intervenire in caso di eventuali flussi migratori»

«Nei giorni scorsi ho scritto alla Commissione europea che si tenga pronta all’azione nel caso si dovessero verificare flussi consistenti e improvvisi di migranti dalla…

24 Apr 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Arabia Saudita, eseguite trentasette condanne a morte

Trentasette persone sono state condannate a morte, in Arabia Saudita. Le condanne sono state eseguite martedì, una delle quali per crocifissione. Il regime saudita ha…

24 Apr 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Libia, Sarraj: «La Francia sostiene Haftar»

Il premier libico Fayez al-Sarraj ha accusato la Francia di sostenere il generale Khalifa Haftar. «Siamo sorpresi del fatto che la Francia non sostenga il…

24 Apr 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Export in calo dello 0,4% a marzo»

«A marzo 2019 si stima una lieve flessione congiunturale per le esportazioni (-0,4%) e un contenuto aumento per le importazioni (+0,4%). La flessione congiunturale delle…

24 Apr 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia