Quanto vale il “business” della contraffazione? | T-Mag | il magazine di Tecnè

Quanto vale il “business” della contraffazione?

E soprattutto quanto toglie ad un’economia? Nel caso italiano può costare fino a 88mila posti di lavoro

di Redazione

La nuova rilevazione Tendenze del commercio di merci contraffatte e usurpative realizzata dall’Ufficio dell’Unione Europea per la proprietà intellettuale in collaborazione con l’Ocse conferma che quello della contraffazione è un mercato in continua crescita: il valore dei prodotti falsificati entrati in Europa è stato nel 2016, anno di riferimento del report, di 121 miliardi di euro, pari al 6,8% del totale dell’import europeo, in aumento rispetto al 5% registrato nella precedente rilevazione riferita al 2013. A livello internazionale l’Euipo calcola un giro d’affari che ammonterebbe a 460 miliardi di euro, anche in questo caso in aumento, dal 2,5 al 3,3%, rispetto al 2013.

Secondo l’analisi le principali merci contraffate sono beni di lusso come borse, pelletterie e orologi, da qui si spiega perché l’Italia è il terzo paese più colpito dalla contraffazione. Infatti, dal rapporto emerge che il 15,1% del valore dei beni sequestrati falsificati a livello mondiale sia a danno di marchi registrati in Italia, la terza percentuale più alta dopo Stati Uniti, 24% e Francia, 16,6%.

Nello specifico il rapporto prende come esempio il caso italiano, sottolineando che il mercato del falso e la pirateria costano al paese in termini di occupazione almeno 88mila posti di lavoro – equivalenti al 2,1% della forza lavoro -, mentre in termini monetari oltre 10 miliardi l’anno, cifra che include sia un mancato pagamento dei diritti di proprietà, che il mancato gettito fiscale , circa 4 miliardi, cifra che equivale allo 0,6% del Pil.

Il report, analizzando i sequestri alle dogane, pur sottolineando che i prodotti contraffatti possono provenire da quasi tutte le economie, risale anche ai principali paesi esportatori: Cina, Emirati Arabi Uniti, Turchia, Singapore, Tailandia, India e la Malesia.

I dati riportati nell’analisi di Euipo e Ocse sono però sottostimati poiché si basano su quasi mezzo milione di confische doganali – dato che una stima precisa di merci del mercato nero è impossibile -, quindi non fanno riferimento né ai prodotti contraffatti realizzati e venduti direttamente sul territorio nazionale, né a quelli digitalizzati e diffusi via internet. Per questo motivo spesso le stime provenienti da fonti diverse non coincidono del tutto. Un esempio sono i dati più aggiornati per quel che riguarda l’Italia forniti a dicembre 2018 dal Censis realizzata per il Ministero dello Sviluppo Economico: l’istituto rilevava che nel 2017 il giro d’affari del mercato del falso valeva circa 7,2 miliardi di euro sottraendo al fisco 1,7 miliardi e una perdita complessiva di 104mila posti di lavoro.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, quattro nuovi contagi e un’altra vittima in Italia

Il bilancio (aggiornato) recita: sette vittime e quattro nuovi contagi – contagi che sommati ai precedenti fanno 283 persone risultate positive al nuovo coronavirus in…

25 Feb 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, a febbraio la fiducia delle imprese è rimasta stabile

A febbraio la fiducia delle imprese francesi è rimasta stabile, nonostante la diffusione del nuovo coronavirus: in Francia, al momento, sono stati confermati 12 casi…

25 Feb 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, domani informativa urgente alla Camera del ministro della Salute

Domani, mercoledì 26 febbraio, il ministro della Salute, Roberto Speranza, interverrà nell’Aula della Camera dei deputati per un’informativa urgente sul coronavirus. La seduta, che inizierà…

25 Feb 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, sospesi viaggi di istruzione fino al 15 marzo

Viaggi di istruzione sospesi fino al 15 marzo del 2020. Lo prevede il dpcm attuativo del decreto per il contenimento del nuovo coronavirus – Covid-19…

25 Feb 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia