Il valore della pet economy in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il valore della pet economy in Italia

Il 52% degli italiani accoglie un animale domestico e con un totale di 32 milioni l’Italia è il primo paese in Europa per numero di pet

di Silvia Capone

Secondo il rapporto del Censis presentato oggi, gli italiani sono i primi in Europa per animali domestici, 32 milioni in totale, presenti nel 52% delle case, in particolar modo in quelle dei separati e divorziati, che li accolgono nel 68% dei casi. Con poco più di 53 animali domestici, l’Italia è il secondo paese dopo solo all’Ungheria per numero di animali ogni 100 abitanti, seguono poi la Francia, con 49, la Germania, 45,4, Spagna 37,7 e Regno Unito 34,6. Nello specifico, tra i 32 milioni di pet in Italia, sono presenti 12,9 milioni di uccelli, 7,5 milioni di gatti, 7 milioni di cani, 1,8 milioni di piccoli mammiferi, 1,6 milioni di pesci e 1,3 milioni di rettili.

Dati sugli animali domestici sono stati analizzati anche dall’ultimo Rapporto Italia dell’Eurispes, in cui l’istituto calcola che un terzo degli italiani, il 33,6%, accoglie almeno un animale domestico con un incremento dell’1,1% rispetto al 2018. L’aumento coinvolge in particolar modo  le famiglie che accolgono due, tre o più animali: rispettivamente 8,1% – rispetto al 7,1% nel 2018 -, 4,7%, contro il 3,7%, 3,8%, in aumento rispetto al 2,3% lo scorso anno. Nella maggior parte dei casi, si tratta di cani nel 40,6% dei casi e gatti, 30,3%.

Contestualmente al numero di animali domestici è cresciuta negli ultimi anni anche la spesa media che gli italiani dedicano ai propri pet: in misura maggiore rispetto al 2017, aumentano coloro che hanno speso tra i 51 e i 100 euro (33,2% a fronte del 31,4% del 2018 e del 15,4% del 2017). Incrementano anche coloro che spendono di più:  14,5% degli italiani dedica alla cura e al benessere del proprio animale tra i 101 e i 200 euro, rispetto all’8,1% del 2018, e coloro che invece dedicano tra i 201 e i 300 euro il 3,7% del campione con un +1,5% rispetto al 2018.

Il solo mercato del pet food vale oltre 2 miliardi di euro, il rapporto distingue i consumi in base all’animale: l’alimentazione di cani e gatti ha generato un giro d’affari di 2.051 milioni di euro con un tasso di crescita rispetto allo scorso anno del +3,8%, e una crescita del 2,4% dei volumi, registrando in totale 573.940 tonnellate messe in commercio. Mentre la spesa per l’alimentazione degli altri animali da compagnia ha fatturato circa 15 milioni, segnando invece una flessione.

Per quanto riguarda il mercato degli accessori, il 2017 è stato segnato da una stabilità delle vendite in termini di volumi e da una leggera flessione del 2% del fatturato, per un totale di circa 72 milioni di euro, mentre il segmento dei prodotti per l’igiene è in crescita anche quest’anno, +15% a valore rispetto l’anno precedente.

 

Scrivi una replica

News

Governo, Renzi: «L’esperimento populista ha fallito»

«Sarebbe facile assistere allo spettacolo sorridendo ma la situazione impone un surplus di responsabilità. Lei oggi presidente del consiglio si dimette ed il governo che…

20 Ago 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Salvini: «Rifarei tutto quello che ho fatto»

«Grazie e finalmente: rifarei tutto quello che ho fatto». Lo ha detto il vicepremier e ministro dell’Interno, Matteo Salvini, parlando all’Aula del Senato, dopo l’intervento del…

20 Ago 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Conte: «Rassegnerò le mie dimissioni al presidente della Repubblica»

«Intendo completare questo passaggio nel modo più lineare». Lo ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, annunciando in Senato le sue dimissioni. Alla fine…

20 Ago 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Conte: «L’azione dell’esecutivo si arresta qui»

L’azione del governo Lega-Movimento 5 stelle «qui si arresta». Lo ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, riferendo in Senato sulla crisi di governo.…

20 Ago 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia