Il primato italiano dei prodotti food DOP e IGP | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il primato italiano dei prodotti food DOP e IGP

Dal 2010 l’Italia vanta il numero più alto di prodotti certificati DOP e IGP tra i Paesi europei
di Redazione

Nel 2018 l’Italia conserva ancora, come ormai si registra dal 2010, il primato in Europa per numero prodotti food – quindi esclusi i vini – DOP e IGP, con 297 prodotti certificati. Decisamente di più rispetto alla Francia, ferma a 249, e alla Spagna, 193. Sia all’Italia che alla Francia sono stati riconosciuti nell’anno quattro nuovi marchi, mentre nel periodo che va dal 2010 al 2016 la crescita dei riconoscimenti italiani variava dagli otto ai 24 nuovi prodotti annui. A renderlo noto è il rapporto del Centro studi di Confragricoltura su dati Ismea-Qualivita.

Nello specifico, tra le regioni italiane che detengono un maggior numero di prodotti DOP e IGP primeggiano l’Emilia-Romagna, 43, seguita dal Veneto, con 36, e dalla Lombardia, 34. Nell’Italia centrale, le regioni con più prodotti riconosciuti sono Toscana (31) e Lazio (27), mentre nel Meridione e nelle Isole, Sicilia, 31, e Campania, 24.

Secondo i dati dei rilevamenti realizzati da Ismea-Qualivita, nel 2017 sono stati prodotti 1,45 milioni di tonnellate di prodotti DOP e IGP per un valore alla produzione di 6,96 miliardi di euro, registrando quindi un aumento del 16,5% rispetto al 2010. Sono stati prodotti principalmente formaggi, prodotti a base di carne e aceti balsamici, i quali da soli equivalgono ad un valore totale di circa 6,36 miliardi.

A trainare l’intero settore sono i prodotti lattiero caseari, con il Parmigiano Reggiano Dop e il Grana Padano Dop che insieme toccano quota 2,6 miliardi di valore alla produzione.

Mentre l’export del settore agroalimentare italiano evidenzia segni di crescita contenuti, le esportazioni di prodotti DOP e IGP vanno decisamente meglio: nel 2017, hanno raggiunto il valore di 3,5 miliardi di euro, dato più che raddoppiato rispetto al 2010.

Nonostante l’alto numero di prodotti italiani certificati come DOP e IGP, oltre l’80% del valore della produzione, e il 90% del valore delle esportazioni, è riconducibile solo ai primi dieci prodotti di settore, gran parte dei quali, esclusi l’Aceto Balsamico di Modena IGP e la Mela Alto Adige IGP, sono stati riconosciuti prima del 2000.

 

Scrivi una replica

News

Autostrade, Conte: «Il governo non sacrificherà il bene pubblico per gli interessi della famiglia Benetton»

«I Benetton non hanno ancora capito che questo governo non accetterà di sacrificare il bene pubblico sull’altare dei loro interessi privati». Lo ha detto il presidente…

13 Lug 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Boccia: «Lo stato d’emergenza non limita la libertà individuale»

«L’estensione dello stato d’emergenza a seguito del Covid-19 non limita la libertà individuale delle persone ma consente di avere maggiore protezione da parte dello Stato».…

13 Lug 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Scuola, Azzolina: «L’anno scolastico inizierà in sicurezza»

«Il governo ha lavorato in questi mesi per garantire la sicurezza di tutti. Lo abbiamo dimostrato anche quando abbiamo dovuto chiudere le scuole, ma adesso…

13 Lug 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Calcio, il Manchester City è stato riammesso nelle coppe europee dal Tas

Il Manchester City parteciperà alla prossima Champions League. Inizialmente escluso dalle coppe europee per due edizioni – i Citizens erano stati giudicati colpevoli dalla Uefa…

13 Lug 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia