Segnali positivi, ma l’economia italiana resta debole | T-Mag | il magazine di Tecnè

Segnali positivi, ma l’economia italiana resta debole

Le aspettative delle imprese sull’occupazione sono diminuite sia nella manifattura sia nei servizi di mercato, osserva l’Istat. Peggiora il misery index elaborato da Confcommercio

di Redazione

«A marzo, è proseguito il deterioramento della fiducia dei consumatori che ha interessato tutte le componenti. Il clima economico e le prospettive future hanno registrato il calo più marcato mentre le attese sulla disoccupazione sono in peggioramento dopo il segnale positivo del mese precedente. Nello stesso mese, la fiducia delle imprese nel complesso è tornata a migliorare anche se nel settore manifatturiero permangono incertezze. L’indicatore anticipatore ha segnato una flessione di intensità ridotta rispetto a febbraio, suggerendo un possibile cambiamento rispetto alla fase di contrazione dei livelli di attività economica manifestatasi negli scorsi mesi». Lo scrive l’Istat nella consueta nota mensile sull’andamento dell’economia italiana.

Le previsioni dell’Istat fanno il paio con il misery index di Confcommercio, secondo cui a febbraio l’indice ha toccato quota 17,8 in aumento di sette decimi di punto rispetto a gennaio. Il peggioramento è determinato soprattutto dal rialzo dei prezzi dei beni e dei servizi ad alta frequenza d’acquisto, oltre che in misura minore dal modesto deterioramento della componente legata alla disoccupazione. Dall’analisi di Confcommercio emerge «il rischio che il prolungarsi della stagnazione produttiva induca ad un peggioramento più evidente del mercato del lavoro, ampliando l’area del disagio sociale, ancora ben più vasta rispetto ai minimi pre-crisi». A febbraio, inoltre, il tasso di disoccupazione ufficiale si è attestato al 10,7%, in aumento di due decimi di punto rispetto al mese precedente e in diminuzione di un decimo nel confronto con lo stesso mese del 2018, mentre il tasso di disoccupazione estesa – che tiene conto di disoccupati, cassaintegrati e scoraggiati – è salito al 13,2% contro il 13,1% del mese precedente e il 13,2 di febbraio 2018.

I dati di febbraio – conferma l’Istat – hanno registrato la sostanziale stabilità del mercato del lavoro. Nel trimestre dicembre-febbraio, il numero degli occupati è rimasto invariato in presenza di una diminuzione dei dipendenti a termine (-0,6%), e di un aumento di quelli permanenti (+0,2%). Nello stesso periodo, il tasso di disoccupazione si è mantenuto sugli stessi livelli del trimestre precedente, condizionato dal peggioramento di febbraio (10,7%). «I segnali per i prossimi mesi – osserva l’Istituto nazionale di statistica – assumono un’intonazione lievemente negativa». Infatti, dopo il miglioramento del tasso di posti vacanti registrato nel quarto trimestre, nei primi mesi dell’anno, le aspettative delle imprese sull’occupazione sono diminuite sia nella manifattura sia nei servizi di mercato.

 

Scrivi una replica

News

Travolta dai debiti, WeWork salvata da SoftBank

WeWork – start-up di coworking – potrà contare su un piano di salvataggio da 9,5 miliardi di dollari. A raccogliere i fondi è stato Softbank,…

23 Ott 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «I curdi devono allontanarsi dal confine altrimenti i turchi li schiacciano»

«Gli Stati Uniti hanno tradito i curdi, che ora devono allontanarsi dal confine turco-siriano come prevede l’accordo raggiunto ieri da Mosca e Ankara, altrimenti saranno…

23 Ott 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Siria, Assad accetta la spartizione

Bashar Al Assad ha accettato l’accordo tra Russia e Turchia che riguarda la spartizione in aree di controllo e influenza tra truppe di Ankara e…

23 Ott 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, si allungano i tempi. Ipotesi elezioni anticipate nel Regno Unito

L’uscita del Regno Unito dall’Unione europea potrebbe non avvenire il 31 ottobre, come da sempre auspicato dal premier britannico, Boris Johnson, ma soltanto in seguito.…

23 Ott 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia