Export in frenata nel mese di febbraio | T-Mag | il magazine di Tecnè

Export in frenata nel mese di febbraio

Il calo congiunturale è dell’1,1%, più marcato verso i mercati extra UE. I dati Istat

di Redazione

Nel mese di febbraio torna a calare l’export. L’Istat, infatti, stima una flessione congiunturale per le esportazioni (-1,1%), mentre le importazioni risultano stazionarie. La diminuzione congiunturale dell’export è marcata verso i mercati extra UE (-2,3%), mentre quella verso l’area UE è solo lievemente negativa (-0,2%). Nel trimestre dicembre 2018-febbraio 2019, rispetto al precedente, si registra una riduzione di entrambi i flussi, significativamente più intensa per le importazioni (-1,7%) che per le esportazioni (-0,2%). Sempre a febbraio, l’aumento dell’export su base annua è pari a +3,4% e coinvolge sia l’area extra UE (+6%) sia, in misura più contenuta, i paesi UE (+1,6%). Allo stesso modo la crescita dell’import (+3,3%) è determinata prevalentemente dall’incremento degli acquisti dai paesi extra UE (+5,6%).

Tra i settori che contribuiscono in misura più rilevante alla crescita tendenziale dell’export nel mese di febbraio – prosegue l’Istat –, si segnalano mezzi di trasporto, autoveicoli esclusi (+20,1%), prodotti alimentari, bevande e tabacco (+9,7%), articoli in pelle, escluso abbigliamento, e simili (+12,2%) e articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici (+8,9%). In diminuzione, su base annua, le esportazioni di prodotti petroliferi raffinati (-27,9%) e di autoveicoli (-5,4%). Su base annua, i paesi che contribuiscono maggiormente all’incremento delle esportazioni sono Stati Uniti (+20,6%), Regno Unito (+19,6%), Svizzera (+16,5%), Germania (+3,1%) e Giappone (+20,2%).

Nei primi due mesi del 2019, la crescita tendenziale dell’export è pari a +3,2% ed è sospinta da macchinari e apparecchi n.c.a (+4,1%), prodotti tessili e dell’abbigliamento, pelli e accessori (+6,5%), metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti (+4,4%) e prodotti alimentari, bevande e tabacco (+7,8%).

Si stima che il surplus commerciale aumenti di 169 milioni di euro (da +3.098 milioni a febbraio 2018 a +3.268 milioni a febbraio 2019). Nei primi due mesi dell’anno l’avanzo commerciale raggiunge +3.593 milioni (+10.420 milioni al netto dei prodotti energetici). Nel mese di febbraio l’Istat stima poi che l’indice dei prezzi all’importazione aumenti dello 0,1% in termini congiunturali e dello 0,7% rispetto all’anno precedente.

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Europee 2019, intention poll Tecnè: Pd davanti al Movimento 5 stelle

Alle elezioni Europee, la Lega avrebbe ottenuto tra il 26 e il 30% delle preferenze. Secondo, il Partito democratico con il 20,5 e il 24,5%…

26 Mag 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Europee 2019, alle 19 ha votato il 43,84% degli aventi diritto

Alle elezioni Europee, alle ore 19, ha votato il 43,84% degli aventi diritto. Lo ha reso noto il ministero dell’Interno. Il dato è in aumento…

26 Mag 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Europee, Di Maio: «Non cambieranno gli equilibri del Parlamento italiano»

«Non ho mai capito perché le elezioni europee dovrebbero cambiare il Parlamento italiano». Lo ha detto il ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, Luigi…

24 Mag 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Giorgetti: «Non chiederemo un rimpasto»

«Non chiederemo rimpasti». Lo ha detto il sottosegretario della Lega alla presidenza del Consiglio, Giancarlo Giorgetti, intervenendo a margine di un incontro pubblico a Induno…

24 Mag 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia