I temi delle elezioni europee: l’ambiente | T-Mag | il magazine di Tecnè

I temi delle elezioni europee: l’ambiente

La protezione ambientale e la salute del pianeta sono argomenti considerati prioritari dai cittadini, per cui si richiede all’UE una maggiore cura e attenzione

di Redazione

Se il tema immigrazione è tra quelli in chiave europea che più sembra egemonizzare i discorsi pre-elettorali, più silenzioso, ma comunque incisivo e rilevante, è per i cittadini europei il dibattito sui cambiamenti climatici. Secondo un sondaggio effettuato dall’Ipsos per l’Europea Climate Foundation, il 77% dei potenziali votanti alle prossime elezioni europee identifica il cambiamento climatico come un importante fattore nella scelta del partito da votare, percentuale che per i 18-30enni scende poco sotto la media, al 75%. Il sondaggio mostra che in media negli 11 paesi europei in cui è stato condotto – Italia, Germania, Francia, Spagna, Repubblica Ceca, Austria, Belgio, Danimarca, Olanda, Polonia e Slovacchia -, tra il 77% e l’82% dei cittadini chiedono che la politica si occupi di protezione ambientale e climate change

Una linea d’azione comunitaria per le direttive climatiche e un partito che renda l’Unione europea leader mondiale nella lotta al cambiamento climatico è un desiderio del 73% dei potenziali elettori e particolarmente sentito in Italia (81%) e in Spagna. 

Nello specifico nel nostro paese quattro italiani su cinque vorrebbero votare alle elezioni del 26 maggio per partiti che mostrano un chiaro impegno nella lotta ai cambiamenti climatici e che quasi l’85% degli intervistati vorrebbe che i partiti dessero maggior priorità ai temi quali la riduzione dell’inquinamento, la protezione della natura e alla sostenibilità agricola, nonché allo sviluppo lavorativo nei settori dell’industria e dell’energia green, con quest’ultima istanza che è particolarmente sentita anche in Spagna, Polonia, Austria e Francia. L’impegno richiesto ai partiti e ai politici è, per quel che riguarda l’Italia, ritenuto fondamentale soprattutto tra le fasce d’età più adulte, con picchi di oltre il 90% tra i 60-65enni, a cui seguono i 45-59enni, mentre la quota più bassa è presente tra i 30-44enni. In generale gli italiani concordano sul ruolo che il partito deve avere nell’obbligare le società più inquinanti a ridurre l’impatto sull’ambiente.

Un altro studio condotto a livello globale, stavolta Ipsos, evidenzia che il 37% della popolazione pensa che i cambiamenti climatici sia una delle principali minacce per il futuro del pianeta, insieme all’inquinamento atmosferico, per il 35%, e lo smaltimento dei rifiuti non riciclabili, secondo un terzo degli intervistati. 

L’importanza dei temi ambientali è testimoniata anche da un sondaggio online di Change.org e pubblicato da Euronews, secondo cui il 72% degli utenti intervistati tra Italia, Polonia, Spagna, Francia e Germania ritiene che la salute del pianeta debba diventare l’obiettivo principale del prossimo Parlamento europeo. 

 

Scrivi una replica

News

Prezzi al consumo, a luglio inflazione invariata su base mensile

«Nel mese di luglio 2019, si stima che l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registri una variazione…

9 Ago 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito, nel secondo trimestre Pil in calo

Nel secondo trimestre 2019 il Prodotto interno lordo del Regno Unito è diminuito dello 0,2%. Lo ha reso noto l’Office for National Statistics – l’Ufficio…

9 Ago 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Di Maio: «Andare al voto non è un problema»

«Nessun problema ad andare al voto. Anzi, dopo quel che è successo ci corriamo alle urne». Lo ha scritto il vice presidente del Consiglio e…

9 Ago 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Codacons: «Stangata da 1.200 euro a famiglia con aumento Iva»

La crisi di Governo costerà miliardi di euro all’economia italiana, e porterà in prima battuta all’aumento delle aliquote Iva a partire dal 2020. Lo afferma…

9 Ago 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia