Il consumo di alcol in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il consumo di alcol in Italia

Nel 2018 il 66,8% della popolazione di 11 anni e più ha consumato almeno una bevanda alcolica. Si beve perlopiù per piacere, ma sono molteplici i fattori di rischio

di Redazione

Nel 2018 il 66,8% della popolazione di 11 anni e più ha consumato almeno una bevanda alcolica nell’anno, percentuale in aumento rispetto al 65,4% del 2017. La percentuale dei consumatori giornalieri di bevande alcoliche è pari al 20,6%, in diminuzione rispetto a quanto osservato dieci anni prima (27,4% nel 2008). In aumento la quota di quanti consumano alcol occasionalmente (dal 40,6% del 2008 al 46,2% del 2018) e quella di coloro che bevono alcolici fuori dai pasti (dal 25,4% del 2008 al 30,2% del 2018). Sono i dati che oggi, mercoledì 15 maggio, l’Istat ha diffuso sul consumo di alcol in Italia. Che è in crescita, come emerge, e spesso si rivela un problema.

Stando ai dati elaborati dall’Istituto Superiore di Sanità e trasmessi al Parlamento dal ministro della Salute, Giulia Grillo, si scopre inoltre che i più a rischio dipendenza sono ragazzi e ragazze tra i 16 e i 17 anni e le persone tra i 65 e i 75 anni.

In uno studio dello scorso anno l’Eurispes, ha stiato 435 mila morti in dieci anni per patologie correlate all’alcol, incidenti, omicidi e suicidi. «L’alcol – era la conclusione – è la sostanza psicotropa che miete più vittime in termini di dipendenza, rispetto a fumo, droghe sintetiche e cocaina». Si tratta, non a caso, del primo fattore di rischio per la salute in Europa, insieme al fumo e all’ipertensione.

L’indagine andava a fondo, rilevando le abitudini dei consumatori di alcol. Il quadro era perciò il seguente: «Si beve ovunque, a qualunque ora, sempre più lontano dai pasti e soprattutto tra le fasce più giovani della popolazione. Oltre sei italiani su dieci mettono l’alcol in relazione alla convivialità, al relax, al piacere e alla spensieratezza (63,4%); solo un quarto, al contrario, lo associa a concetti negativi, come la fuga dai problemi, la perdita di controllo e il pericolo (25,6%)». Per quanto riguarda la tipologia di consumo, la birra è la più gettonata dai giovanissimi, a seguire il vino, poi shottini e superalcolici.

 

Scrivi una replica

News

Autostrade, Conte: «Il governo non sacrificherà il bene pubblico per gli interessi della famiglia Benetton»

«I Benetton non hanno ancora capito che questo governo non accetterà di sacrificare il bene pubblico sull’altare dei loro interessi privati». Lo ha detto il presidente…

13 Lug 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Boccia: «Lo stato d’emergenza non limita la libertà individuale»

«L’estensione dello stato d’emergenza a seguito del Covid-19 non limita la libertà individuale delle persone ma consente di avere maggiore protezione da parte dello Stato».…

13 Lug 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Scuola, Azzolina: «L’anno scolastico inizierà in sicurezza»

«Il governo ha lavorato in questi mesi per garantire la sicurezza di tutti. Lo abbiamo dimostrato anche quando abbiamo dovuto chiudere le scuole, ma adesso…

13 Lug 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Calcio, il Manchester City è stato riammesso nelle coppe europee dal Tas

Il Manchester City parteciperà alla prossima Champions League. Inizialmente escluso dalle coppe europee per due edizioni – i Citizens erano stati giudicati colpevoli dalla Uefa…

13 Lug 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia