L’obiettivo europeo dell’apprendimento permanente | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’obiettivo europeo dell’apprendimento permanente

Secondo Eurostat, la percentuale di popolazione adulta tra i 25 e i 64 anni che ha partecipato a processi di questo tipo è dell’11,1%. L’Italia si colloca sotto la media

di Redazione

Gli ultimi dati Eurostat dell’analisi sulla forza lavoro mostrano che nel 2018 la percentuale di popolazione adulta tra i 15 e i 64 anni che ha partecipato a processi di apprendimento permanente è dell’11,1%, con quote più alte tra le donne, che arrivano fino al 12,1%, segnando un aumento di 0,2% rispetto all’anno precedente.

Anche se la percentuale europea è in continua crescita rispetto per esempio al 10,7% del 2015, la media di adulti che partecipano alla formazione è ancora molto lontana dall’obiettivo posto per l’European cooperation and training del 15%.

In particolare, al di sopra dell’obiettivo europeo si collocano già otto paesi, primi tra tutti Svezia, Finlandia e Danimarca, in cui la percentuale di forza lavoro over 25 che partecipano all’apprendimento è rispettivamente di  29,2, 28,5 e 23,5%.

Al lato opposto della classifica presentata dal report dell’Eurostat si collocano invece tre paesi dell’est: Croazia, Bulgaria e Romania, con livelli di formazione comprese tra il 3 e l’1%. In controtendenza è quindi la percentuale dell’Estonia che con il 19,7% di adulti in età lavorativa che continuano l’apprendimento, segue al quarto posto i paesi scandinavi.

L’Italia è sotto la media europea, ferma ancora all’8,1% della popolazione -anche per il caso italiano la percentuale delle donne è maggiore, l’8,6% del totale, subito dopo la Germania in cui gli adulti che proseguono l’apprendimento sono stati l’8,2% del totale.

L’apprendimento permanente consiste, come ricorda l’Eurostat, in una «qualsiasi attività intrapresa dalle persone in modo formale, non formale, informale, nelle varie fasi della vita, al fine di migliorare le conoscenze, le capacità e le competenze, in una prospettiva personale, civica, sociale e occupazionale», perciò si distingue dalla più comune formazione continua che invece fa riferimento prettamente allo sviluppo e all’aggiornamento della qualificazione professionale e mirata quindi all’occupabilità.  

 

Scrivi una replica

News

Migranti, Berlino: «Pronti ad accordo Ue su sbarchi»

La Germania da sempre ha partecipato alla redistribuzione ad hoc dei migranti, ciò nonostante non abbiamo ancora trovato una procedura adeguata. L’Europa ha bisogno di…

16 Set 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Juncker: «L’Ue non deve perdere la pazienza»

«L’Europa non deve mai perdere la pazienza», ha dichiarato il presidente della Commissione europea, Jean Claude Juncker in occasione dell’incontro con Boris Johnson, premier britannico.…

16 Set 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inps: «Reddito di cittadinanza a 960mila nuclei con un importo di 481 euro»

Dai dati diffusi dall’Inps sul Reddito di cittadinanza, emerge che i beneficiari sono 960mila con un importo medio di 481 euro. Le persone coinvolte nei…

16 Set 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Prezzi al consumo, Istat: ad agosto +0,4%

«Nel mese di agosto 2019, si stima che l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registri un aumento…

16 Set 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia