Aumentano le multe, ma pochi le pagano | T-Mag | il magazine di Tecnè

Aumentano le multe, ma pochi le pagano

Tra il 2006 e il 2016 le contravvenzioni hanno registrato un incremento dell’81% e avrebbero dovuto portare 2,5 miliardi per le casse comunali. Ma nel 2016 solo il 39% degli automobilisti ha pagato quanto doveva

di Redazione

Da oggi 10 giugno le multe stradali saranno più costose per gli automobilisti, ma ad aumentare saranno le spese di notifica di Poste Italiane: la spedizione del plico passerà dagli attuali 6,80 euro a 9,50, ma come denuncia l’Asaps -Associazione dei sostenitori e degli amici della polizia stradale- in alcune città l’importo aggiuntivo potrebbe arrivare tra i 18 e i 20 euro rispetto la sanzione. Nel comunicato di Poste Italiane viene anche specificato che fino al 2020 la tariffa potrebbe subire ulteriori modifiche al rialzo. 

L’aumento della tariffa di notifica è l’ultimo di una serie di aumenti che hanno interessato le contravvenzioni stradali, e che hanno già coinvolto l’importo per l’eccesso di velocità, la guida in stato di ebrezza e la mancata o scaduta revisione. 

Ad aumentare negli anni però non è solo l’importo della sanzione, ma anche il numero delle contravvenzioni. Infatti, secondo un’analisi della Cgia di Mestre, tra il 2006 e il 2016 le multe sono incrementate dell’81% e avrebbero dovuto portare 2,5 miliardi per le casse comunali. Ma nel 2016 solo il 39% degli automobilisti ha pagato quanto doveva, e come evidenziano i dati, i comuni italiani hanno riscosso “solo” un miliardo di euro. Dalla ricerca è emerso anche che il mancato pagamento non è omogeneo nel territorio italiano: al Sud il tasso di riscossione delle contravvenzioni è al 27,5%, al Centro la percentuale degli automobilisti che onorano il pagamento sale al 34,2%, mentre al Nord è circa del 49%. I picchi si hanno in Sicilia, con il più alto tasso di multe non pagate, e in Molise invece per quelle riscosse, le percentuali di pagamento sono rispettivamente 18,4% e 74,2%.

L’aumento delle sanzioni, che si è accompagnato anche ad un’accelerazione delle riscossioni effettive, ha comportato che nel 2017 i comuni hanno fatto registrare incassi record, la cifra è di circa 1,67 miliardi per “sanzioni e ammende”, classificazione che include per il 90% dell’importo multe stradali. Anche in questo caso però la variabile geografica fa la differenza: più dell’80% degli incassi proviene dai comuni del centro-nord, ma resta comunque evidente la difficoltà e la scarsità delle casse pubbliche di riscuotere le sanzioni. 

 

Scrivi una replica

News

Prezzi al consumo, a luglio inflazione invariata su base mensile

«Nel mese di luglio 2019, si stima che l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registri una variazione…

9 Ago 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito, nel secondo trimestre Pil in calo

Nel secondo trimestre 2019 il Prodotto interno lordo del Regno Unito è diminuito dello 0,2%. Lo ha reso noto l’Office for National Statistics – l’Ufficio…

9 Ago 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Di Maio: «Andare al voto non è un problema»

«Nessun problema ad andare al voto. Anzi, dopo quel che è successo ci corriamo alle urne». Lo ha scritto il vice presidente del Consiglio e…

9 Ago 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Codacons: «Stangata da 1.200 euro a famiglia con aumento Iva»

La crisi di Governo costerà miliardi di euro all’economia italiana, e porterà in prima battuta all’aumento delle aliquote Iva a partire dal 2020. Lo afferma…

9 Ago 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia