Manifattura, ancora in contrazione l’attività dell’Eurozona | T-Mag | il magazine di Tecnè

Manifattura, ancora in contrazione l’attività dell’Eurozona

Per il Chief Business Economist di IHS Markit: «La crisi del settore non mostra segnali di una fine imminente»

Di Redazione

L’indice destagionalizzato finale IHS Markit PMI del settore manifatturiero nell’Eurozona è in contrazione per il quinto mese consecutivo, arrivando al valore più basso da marzo: 47,6 punti. 

Analizzando nello specifico i diversi paesi membri si nota come la Germania, nonostante il miglioramento del valore dell’indice – il più alto in quattro mesi – abbia registrato i risultati più bassi, mentre il valore maggiore è stato riportato dalla Grecia, che al contrario segna il minimo da 19 mesi. L’indice Pmi italiano è più alto della media dell’eurozona, arrivando a 48,4, ma il risultato è comunque il valore minimo da tre mesi. Per quanto riguarda i singoli sotto-settori, i beni di consumo hanno registrato miglioramenti a tassi maggiori da gennaio, mentre per i beni intermedi la contrazione risulta essere la peggiore da aprile 2013.

Tra le cause della situazione negativa, influenzata dall’andamento del settore automobilistico, si annoverano sia l’incertezza sul versante politico che le difficili condizioni economiche date dalle tensioni commerciali.

Della debolezza della produzione, evidenziata dall’indice, ha risentito anche l’occupazione, che ha registrato tagli per il secondo mese consecutivo in Germania, Italia e Spagna.

Contestualmente, come ha sottolineato Williamson, Chief Business Economist dell’IHS Markit, «la contrazione dei nuovi ordini ricevuti ha fatto si che le aziende manifatturiere si sono sempre più concentrate nel tenere i costi bassi, in particolare con tagli al personale e sulle giacenze. Il peggioramento del flusso di nuovi ordini fa si che le aziende manifatturiere si sono concentrate sul tenere i costi bassi, in particolare riducendo il livello del personale e quello di magazzino».

Nonostante però la contrazione dei prezzi per il minor costo dei trasporti e un più basso dei prezzo dei metalli, le imprese manifatturiere hanno continuato ad aumentare i loro prezzi di vendita. 

In sintesi l’ottimismo storicamente contenuto delle aziende è confermato anche dal Chief Business Economist secondo cui «la crisi del settore non mostra segnali di una fine imminente. Gli indicatori anticipatori di tendenze sono rimasti a giugno pericolosamente deboli, aggiungendo ulteriori paure circa lo stato di salute dell’economia durante la seconda parte dell’anno».

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Ocse: «Bisogna agire ora o ci saranno conseguenze tragiche»

«I costi elevati per una risposta da parte delle autorità sanitarie pubbliche sono necessari per evitare conseguenze molto più tragiche e un impatto ancora peggiore…

27 Mar 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Di Maio: «Ci aspettiamo lealtà da Ue»

«Davanti all’emergenza economica ci aspettiamo lealtà da parte dei partner europei. La parola lealtà per noi ha un peso importante. Ci aspettiamo che l’Europa faccia…

27 Mar 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Catalfo: «Più risorse per Cig e partite Iva»

Il ministro del Lavoro, Nunzia Catalfom ha reso noto ai microfoni di Circo Massimo su Radio Capital, che il governo sta studiando un aumento del…

27 Mar 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, in Spagna 5mila morti

Cotinua ad aggravarsi la situazione in Spagna, dove il numero delle vittime da coronavirus è salito a quota 5mila. A renderlo noto è stato El…

27 Mar 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia