Demografia d’impresa, nel 2017 in calo le nascite | T-Mag | il magazine di Tecnè

Demografia d’impresa, nel 2017 in calo le nascite

L’Istat stima 20 mila in meno rispetto al 2016: dopo il trend positivo registrato negli ultimi cinque anni diminuisce il tasso di natalità

di Redazione

Nel 2017 la stima delle imprese nate, informa l’Istat, è pari a 276.890 unità, 20 mila in meno rispetto al 2016. Dopo il trend positivo registrato negli ultimi cinque anni, il tasso di natalità si riduce ed è pari al 7,2%, in calo di 0,5 punti percentuali rispetto all’anno precedente. Il tasso di mortalità continua il trend di progressiva riduzione avviato a partire dal 2014: nel 2017 si stimano 273.818 imprese cessate, con un tasso di mortalità del 7,1% (pari a 0,6 punti percentuali in meno rispetto al 2016). La dinamica dei due tassi, ha determinato nel 2017 un tasso netto di turnover lievemente positivo (+0,1%), che modifica il trend negativo registrato per questo indicatore a partire dal 2007.

La riduzione dei tassi totali di natalità e di mortalità – spiega l’Istat – è diffusa a tutti i macro-settori. I tassi di natalità registrano un calo più marcato nel Commercio e negli Altri servizi (rispettivamente -0,7 e -0,6 punti percentuali); una flessione dei tassi di mortalità si verifica nelle Costruzioni (-1,2 punti percentuali), nell’Industria e negli Altri Servizi (-0,5 punti percentuali per entrambi).

Anche nel 2017, così come nel 2016, i tassi di natalità e mortalità nel comparto dell’Industria presentano una certa variabilità se associati al livello di intensità tecnologica dei settori. I settori a bassa tecnologia (LOT) presentano un tasso di natalità (5,1%) e un tasso di mortalità (5,6%) al di sopra della media; per quelli ad alta tecnologia (HT), invece, si registra un tasso di natalità al di sopra della media (5,3%) e un tasso di mortalità inferiore rispetto alla media dell’industria (3,8%). Nell’ambito dei Servizi, quelli ad alto contenuto di conoscenza (HITS) registrano, rispetto alla media, un tasso di natalità decisamente superiore (9,4%) e un uguale tasso di mortalità (7,3%).

Nel 2017 la natalità delle imprese è più elevata nel Mezzogiorno, con un tasso pari all’8,6%, e minore nel Nord-est, con un tasso del 5,8%. Rispetto al 2016, la natalità delle imprese risulta in calo in tutte le ripartizioni territoriali. La flessione maggiore si registra nel Nord-ovest (-0,8 punti percentuali), che passa dal 7,3% al 6,5%: in particolare, nelle regioni Piemonte e Lombardia (-0,8 punti percentuali per entrambe) e nel Nord-est (-0,5 punti percentuali). In maniera speculare il tasso di mortalità stimato per il 2017 è maggiore nel Mezzogiorno (8,3%) e inferiore nel Nord-est (6%) ed è in calo in tutte le ripartizioni territoriali.

Dopo la ripresa degli ultimi tre anni, la capacità di sopravvivenza delle nuove imprese è in lieve diminuzione: fra quelle nate nel 2016, alla fine del 2017 è ancora in attività l’81,9% (0,3 punti percentuali in meno rispetto al 2016). Nel dettaglio dei settori, il calo della sopravvivenza riguarda l’Industria e le Costruzioni (rispettivamente -2 e -1,7 punti percentuali), mentre gli altri due macro-settori registrano un leggero aumento (+0,2 il Commercio e +0,1 gli Altri Servizi).

A cinque anni dalla nascita, le imprese nate nel 2012 occupano oltre 310 mila addetti, in diminuzione rispetto ai 354 mila registrati nell’anno di nascita (-12,4%). Così come accadeva nel 2016, solo nel comparto dell’Industria in senso stretto la nuova occupazione attivata dalle imprese sopravviventi al 2017 riesce a superare la perdita di addetti delle imprese in uscita (+26,7% rispetto al 2012). Tutti gli altri macro-settori registrano una perdita occupazionale che va dal 14,7% degli Altri servizi, al 15,7% del Commercio, fino al 28% delle Costruzioni.

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Germania: nel primo trimestre 2020 Pil giù del 2,2%

Il Pil tedesco ha registrato nel primo trimestre dell’anno una contrazione del 2,2%, così come anticipato nella stima preliminare. Si tratta dei primi effetti della…

25 Mag 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, fine del lockdown in Spagna

Da oggi la Spagna allenta ulteriormente le misure restrittive per contenere la diffusione del coronavirus, ma ciò avverrà gradualmente. Alcune regioni, tra le più colpite…

25 Mag 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, nove italiani su dieci hanno usato la mascherina durante la cosiddetta Fase 1

«L’89,1% delle persone di 18 anni e più riferisce di aver fatto uso di mascherine» durante la cosiddetta Fase 1. Lo rende noto l’ISTAT, diffondendo…

25 Mag 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Emergenza sanitaria, al via i test sierologici: coinvolti duemila comuni

La Croce Rossa italiana ha iniziato oggi a chiamare i cittadini individuati nel campione di 150.000 soggetti ai quali verrà effettuato il test sierologico per…

25 Mag 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia