La guerra dei dazi “minaccia” il settore dei videogiochi | T-Mag | il magazine di Tecnè

La guerra dei dazi “minaccia” il settore dei videogiochi

Nintendo sposta la produzione al di fuori della Cina, pesano le tensioni commerciali tra Washington e Pechino. Il settore, nel complesso, ha generato nel 2018 un fatturato di circa 43,4 miliardi di dollari

di Redazione

La Nintendo, azienda giapponese di videogiochi e console, qualche giorno fa ha confermato l’intenzione della casa giapponese di spostare la filiera produttiva di “Switch” al di fuori della Cina. La scelta sarebbe dovuta all’incertezza data dalla guerra commerciale tra Cina e Stati Uniti che potrebbe ripercuotersi sulle esportazioni della console.

Non è solo la Nintendo a temere le ripercussioni dei dazi, la casa giapponese insieme a Microsoft e Sony lo scorso giugno ha scritto una lettera alle autorità per il commercio a Washington notificando che in questo modo i prezzi delle console, dato che lo scorso anno ill 96% di tutte le console da gioco è stato prodotto in Cina potrebbero innalzarsi e di conseguenza potrebbero diventare un bene fuori budget per le famiglie americane. I dazi imposti dall’amministrazione statunitense prevedono tariffe del 25% su 250 miliardi di importazioni cinesi e secondo un recente studio realizzato dal Trade Partnership for the Consumer Technology Association, si stimerebbe un rincaro di almeno 840 milioni di dollari sui prezzi complessivi di acquisto. La lettera ricorda inoltre la consistenza dell’industria dei videogiochi, che negli Stati Uniti dà occupazione ad oltre 220 mila persone e che nel 2018 ha generato un fatturato totale di circa 43,4 miliardi di dollari, in crescita del 20% rispetto all’anno precedente.

L’aumento dei prezzi delle console, ancora incerti e eventualmente indiretti – derivanti, cioè, da un’omologazione a livello internazionale dei costi di vendita -, potrebbe riguardare anche il mercato europeo e quindi quello italiano. Nel paese il mercato dei videogiochi ha seguito nel 2018 il trend americano, facendo registrare una crescita superiore alle aspettative, +18,9% rispetto l’anno precedente, arrivando a generare un giro d’affari di 1,7 miliardi di euro. Secondo i dati le console e gli accessori fisici hanno fatto registrare un fatturato di 426 milioni di euro mentre i videogiochi 1,3 miliardi e nello specifico il mercato digitale, grazie al download vale 548 milioni, ed è il segmento che fa registrare la crescita maggiore, +86,6%. I dati e le stime sono stati resi noti dall’AESVI, l’Associazione di categoria che rappresenta l’industria dei videogiochi in Italia, che ogni anno pubblica un report sul mercato e sui consumatori di videogame, utilizzando una metodologia omogenea a livello internazionale e curata dalla federazione europea dell’industria dei videogiochi, con dati relativi al mercato fisico, digitale, mobile e ad un sondaggio dell’Ipsos. 

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, il Parlamento europeo ha approvato la nomina di Lagarde a presidente della BCE

La nomina di Christine Lagarde a presidente della Banca centrale europea è stata approvata dalla plenaria del Parlamento europeo. I parlamentari hanno votato a scrutinio…

17 Set 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, indice Zew sale a -22,5 punti

L’Indice Zew che monitora la fiducia degli investitori in Germania, a settembre è risalito a -22,5 punti dai -44,1 di agosto. Gli analisti avevano previsto…

17 Set 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Pd, Salvini: «Che pena, Renzi. Cosa non si fa per non salvare la poltrona»

«Prima incassa posti e ministeri, poi fonda un “nuovo” partito per combattere Salvini». Lo ha scritto su Twitter il leader della Lega, Matteo Salvini, commentando…

17 Set 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Pd, Franceschini: «Renzi è un grosso problema»

«Renzi? Oggi è un grosso problema». Lo ha detto il ministro dei Beni Culturali, Dario Franceschini, replicando alla sua omologa tedesca Michelle Muentefering, che gli…

17 Set 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia