Gli incidenti stradali in Italia nel 2018, in cifre | T-Mag | il magazine di Tecnè

Gli incidenti stradali in Italia nel 2018, in cifre

Il numero di quelli con lesioni a persone è in calo rispetto al 2017. In diminuzione anche le morti, ma aumentano le vittime sulle autostrade (a causa del crollo del Ponte Morandi)

di Redazione

Nel 2018 sono stati 172.344 gli incidenti stradali con lesioni a persone in Italia, in calo rispetto al 2017 (-1,5%), con 3.325 vittime (morti entro 30 giorni dall’evento) e 242.621 feriti (-1,7%). Il numero dei morti torna a diminuire rispetto al 2017 (-53 unità, pari a -1,6%) dopo l’aumento registrato lo scorso anno. Tra le vittime risultano in aumento i pedoni (609, +1,5%), i ciclomotoristi (108, +17,4%) e gli occupanti di autocarri (188, +15,3%). Sono in diminuzione, invece, i motociclisti (685, -6,8%), i ciclisti (219, -13,8%) e gli automobilisti (1.420, -3,0%). I dati sono stati diffusi dall’Istat nel report Incidenti stradali in Italia.

Sebbene il numero dei morti sia complessivamente in diminuzione, spiega l’Istat, aumentano le vittime sulle autostrade – da 296 nel 2017 a 327 nel 2018, +10,5% – a causa dell’incidente stradale avvenuto il 14 agosto 2018 sul Ponte Morandi della A10 Genova-Savona-Ventimiglia, che ha coinvolto numerosi veicoli e causato 43 vittime. Il numero degli incidenti con esito mortale sulle autostrade rimane comunque sostanzialmente invariato – da 253 a 255 tra il 2017 e il 2018. Sulle strade extraurbane e urbane le vittime diminuiscono (rispettivamente 1.596, -1,2% e 1.402, -4,4%).

Nell’Unione europea, il numero delle vittime di incidenti stradali diminuisce nel 2018, seppure in misura contenuta (-1% rispetto al 2017): complessivamente, sono state poco più di 25mila contro 25.321 del 2017. Nel confronto tra il 2018 e il 2010 (anno di benchmark per la sicurezza stradale) i decessi si riducono del 21% in Europa e del 19,2% in Italia. Ogni milione di abitanti, nel 2018 si contano 49,1 morti per incidente stradale nella Ue28 e 55,0 nel nostro Paese, che sale dal 18° al 16° posto della graduatoria europea.

Gli incidenti, osserva a tale proposito l’Istituto nazionale di statistica, derivano soprattutto da comportamenti errati. Tra i più frequenti si confermano la distrazione alla guida, il mancato rispetto della precedenza e la velocità troppo elevata (nel complesso il 40,8% dei casi). Le violazioni al Codice della Strada risultano in diminuzione rispetto al 2017. Le più sanzionate sono l’inosservanza della segnaletica, il mancato utilizzo di dispositivi di sicurezza a bordo e l’uso del telefono cellulare alla guida; in diminuzione le contravvenzioni per eccesso di velocità.

Nel 2018 le prime iscrizioni di veicoli aumentano solo dell’1% rispetto all’anno precedente mentre il parco veicolare cresce dell’1,3%. Le percorrenze autostradali sui circa seimila chilometri della rete in concessione mostrano una sostanziale stabilità (+0,4%), con un aumento del 2,3% rispetto al 2017 solo per i veicoli pesanti, con oltre 84 miliardi di km percorsi.

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Governo, Salvini: «Italia non perda tempo»

«Bella discussione, sono contento di essere a capo di una forza compatta. Abbiamo scelto di portare nelle case degli italiani le cose che non vanno,…

22 Ago 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Di Maio: «Non lasciamo la nave affondare»

«Non lasciamo la nave affondare, perché l’Italia siamo tutti, a dispetto degli interessi di parte». Lo ha detto il capo politico del Movimento 5 stelle,…

22 Ago 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Usa 2020, Sanders punta su clima: piano da 16 mld

Il candidato democratico alla Casa Bianca, Bernie Sanders Bernie Sanders punta sul clima e presenta un piano da 16.300 miliardi di dollari per combattere il…

22 Ago 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Huawei prima impresa privata della Cina

Con un fatturato di 721,2 miliardi di yuan (102 miliardi di dollari) nel 2018, Huawei si posiziona in vetta all’ultima classifica delle 500 maggiori imprese…

22 Ago 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia