Germania a rischio recessione, pesano export e produzione | T-Mag | il magazine di Tecnè

Germania a rischio recessione, pesano export e produzione

Le ultime rilevazioni sulle vendite verso l’estero indicano un -8% annuo, mentre la produzione dell’industria è scesa del 5,2%

di Redazione

Dopo la contrazione dello 0,1% registrata nel secondo trimestre dal Pil, «anche nel trimestre in corso, l’attività economica (della Germania ndr) potrebbe diminuire leggermente», a lanciare l’allarme è stata la Bundesbank nel bollettino mensile pubblicato ieri.

La locomotiva d’Europa è dunque a rischio recessione e tra le cause annoverate dalla banca centrale tedesca ci sono le scarse esportazioni e la perdurante debolezza della produzione industriale, mentre il sostegno all’economia arriva dalla spesa per consumi e dall’edilizia. Analizzando gli ultimi dati macroeconomici si osserva che le vendite tedesche verso l’estero sono crollate a giugno dell’8% annuo, registrando la flessione più marcata dal 2016, mentre su base mensile l’indicatore ha riportato un -0,1%. Su base tendenziale anche le importazioni sono diminuite considerevolmente, riportando un -4,4%, salendo però dello 0,5% rispetto al mese precedente. Di conseguenza si è però osservata una forte diminuzione del surplus commerciale: a 16,8 miliardi di euro dai 20,6 miliardi di maggio, contro i 19,5 miliardi delle stime.

Per quanto riguarda invece la produzione industriale, le ultime rilevazioni indicano un nuova caduta di un punto e mezzo mensile e un calo annuo del 5,2%. Anche l’indice PMI, elaborato da IHS Markit, relativo al settore manifatturiero ha registrato un ulteriore deterioramento. Secondo le stime della società londinese, a luglio l’indicatore relativo all’andamento dell’attività manifatturiera è sceso a 43,2 punti  (il livello più basso dalla metà del 2012) dai 45 punti di giugno, allontanandosi sempre più dalla soglia dei 50 punti, al di sotto dei quali l’attività risulta in contrazione.  

La speranza della Bundesbank è che questi due indicatori – export e produzione industriale – si riprendano in tempo «prima di trascinare gli indicatori interni come l’occupazione e la spesa dei consumatori verso il basso con loro». Intanto il governo federale è pronto a correre ai ripari modificando politica economica. L’ultima crisi è costata alla Germania 50 miliardi di euro, ha spiegato il ministro delle Finanze Olaf Scholz, aggiungendo: «Dobbiamo essere in grado di metterli insieme e possiamo farlo perché la Germania ha ridotto il debito/pil sotto il 60% in questi dieci anni di crescita».

 

Scrivi una replica

News

Attacchi raffinerie, Riad si unisce a coalizione navale Usa

L’agenzia di stampa saudita ha reso noto che Riad si unirà alla coalizione  guidata dagli Stati Uniti per proteggere le vie di navigazione del Medio…

18 Set 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Juncker: «Reale rischio di no deal»

«Mentre si avvicina la scadenza del 31 ottobre il rischio di un no deal è reale e permane». Lo ha affermato il presidente della Commissione…

18 Set 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Israele, è testa a testa tra Netanyahu e Gantz

Con lo spoglio al 91% dei voti, le elezioni in Israele vedono un testa a testa tra il partito Likud di Benyamin Netanyahu e quello…

18 Set 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio: Wti a 59 dollari al barile e Brent a 64,38 dollari

All’avvio dei mercati asiatici il greggio texano Wti è stato scambiato a 59 dollari al barile mentre il Brent è stato scambiato a 64,38 dollari.…

18 Set 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia