In Europa ci sono sempre più scienziati e ingegneri | T-Mag | il magazine di Tecnè

In Europa ci sono sempre più scienziati e ingegneri

Secondo l’Eurostat nel 2018 si è registrata una crescita: Gran Bretagna e Germania sono i paesi che attraggono di più. A livello mondiale però il gap di genere è ancora evidente

di Redazione

Secondo gli ultimi dati dell’Eurostat nel 2018 il numero di scienziati ed ingegneri tra i 25 e i 64 anni è aumentato del 4% rispetto alla rilevazione dello scorso anno, raggiungendo il numero stimato di 17,2 milioni di professionisti, che corrispondono al 23% di tutti i lavoratori impiegati nel campo delle scienze e delle tecnologie. In generale la distribuzione di scienziati e ingegneri per ogni paese è proporzionale alla loro quota di popolazione in Unione europea. Le eccezioni positive sono la Gran Bretagna e la Germania che insieme contano il 37% degli scienziati e ingegneri di tutta Europa, ospitandone rispettivamente il 19 e il 18%, il dato evidenzia un investimento nonché una grande capacità dei due paesi di attrarre capitale umano di questo livello e professione, poiché la quota dei loro cittadini sul totale della popolazione europea è del 29%.

Al contrario l’Italia pur essendo tra la top seven europea dei paesi in cui si trovano più ingegneri e scienziati, contribuisce sul totale solo per il 6%, che corrispondo a circa un milione, comunque in aumento di 30 mila unità rispetto al 2017. Insieme alla Francia contano il 16% di questi professionisti in tutta Europa, percentuale molto al di sotto in confronto alla popolazione dei due paesi, che pesa sul totale degli europei per il 25%.

In generale l’Eurostat riporta un diffuso aumento degli occupati in tutto il campo delle scienze e tecnologie: nel 2018 hanno raggiunto i 76 milioni in tutta Europa, con un incremento del 2,1% rispetto l’anno precedente.

Nonostante l’aumento, certificato dall’Eurostat, di professionisti nei campi scientifici la presenza femminile – seppur in crescita – rimane ancora marginale. Secondo i dati che l’Onu ha diffuso in occasione della giornata mondiale delle donne nella scienza, meno del 30% di scienziati e ricercatori sono donne.

Il dato è confermato anche da uno studio coordinato dall’Allen Institute for Artificial Intelligence, che ha analizzato gli articoli scientifici pubblicati dal 1970 al 2018, le autrici donne sono state solo il 30%, mentre il restante 70% sono a firma maschile. Secondo i risultati dello studio quindi si prevede che la parità di genere nelle pubblicazioni informatiche potrebbe essere raggiunta tra 118 anni, mentre nelle scienze biomediche tra circa 30. 

 

Scrivi una replica

News

Conte: “Il sistema Italia è in emergenza: occorre una cura da cavallo”

“Mi prenderò qualche giorno per poi lanciare una cura da cavallo per il sistema Italia”. Lo ha annunciato il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, intervenendo…

19 Feb 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, dal 2021 chi vuole trasferirsi nel Regno Unito dovrà saper parlare inglese

Dal 2021 sarà più difficile trasferirsi nel Regno Unito. È uno degli effetti post-Brexit che si punta a rendere operativo dopo il periodo di transizione.…

19 Feb 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, crolla la fiducia degli investitori tedeschi. Indice Zew a 8,7 punti a febbraio. Pesa coronavirus

L’indice Zew, che misura il sentimént degli investitori tedeschi, a febbraio è crollato a 8,7 punti dai 26,7 di gennaio, pesa il timore per gli…

19 Feb 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Gualtieri: «Possibile impatto su crescita 2020»

«Se il coronavirus avrà un impatto significativo e l’effetto di trascinamento dell’ultimo trimestre sarà più forte del previsto, questo 0,6% che noi abbiamo messo come…

19 Feb 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia