Commercio con l’estero, export in calo a luglio | T-Mag | il magazine di Tecnè

Commercio con l’estero, export in calo a luglio

Flessione congiunturale del 2,3%, ma su base annua è +6,2%. Svizzera e Stati Uniti i paesi che contribuiscono alla crescita tendenziale

di Redazione

A luglio 2019, informa l’Istat, entrambi i flussi commerciali con l’estero registrano una flessione congiunturale, più intensa per le esportazioni (-2,3%) che per le importazioni (-0,5%). «La diminuzione congiunturale dell’export è da ascrivere al calo delle vendite sia verso i mercati extra Ue (-3,9%) sia verso i paesi UE (-1,1%)».

Nel trimestre maggio-luglio 2019 rispetto al precedente si rileva un aumento per le esportazioni (+1,5%) mentre le importazioni risultano stazionarie. Nel mese di luglio la crescita dell’export su base annua è ampiamente positiva e pari a +6,2%, trainata dall’incremento delle vendite registrato sia per l’area extra Ue (+8%) sia, in misura minore, per quella UE (+4,7%). Analogamente le importazioni sono in aumento (+1,8%) sia dai mercati extra Ue (+2,8%) sia dall’area UE (+1%).

Tra i settori che contribuiscono alla crescita tendenziale dell’export si segnalano articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici (+27,3%), prodotti alimentari, bevande e tabacco (+13,9%), articoli in pelle, escluso abbigliamento, e simili (+15,3%), mezzi di trasporto, autoveicoli esclusi (+13,1%) e articoli di abbigliamento, anche in pelle e pelliccia (+12,8%); mentre nello stesso mese contribuiscono negativamente i prodotti petroliferi raffinati (-19,4%).

Su base annua, i paesi che contribuiscono maggiormente all’aumento delle esportazioni sono Svizzera (+32,8%), Stati Uniti (+18%), Francia (+4,6%) e Spagna (+8,9%), mentre si registra una diminuzione delle vendite verso i paesi OPEC (-13,1%) e la Cina (-10,1%).

Nei primi sette mesi del 2019, l’aumento su base annua dell’export (+3,2%) è determinato principalmente dalle vendite di articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici (+27,9%), prodotti tessili e dell’abbigliamento, pelli e accessori (+7,9%) e prodotti alimentari, bevande e tabacco (+8%). Si stima che il surplus commerciale aumenti di 1.972 milioni di euro (da +5.659 milioni a luglio 2018 a +7.631 milioni a luglio 2019). Nei primi sette mesi dell’anno l’avanzo commerciale raggiunge +29.710 milioni (+53.484 milioni al netto dei prodotti energetici).

A luglio, infine, l’Istat stima che l’indice dei prezzi all’importazione diminuisca dello 0,1% in termini congiunturali e dell’1,8% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Renzi: «Voteremo un emendamento per abolire Quota 100»

«Domattina partiamo con la presentazione del Family Act, con Elena Bonetti. E spiegheremo perché secondo noi quella misura, che investe 20 miliardi in tre anni…

18 Ott 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Salvini: «Alla manifestazione contro il governo, in piazza San Giovanni, ci sarà tanta gente»

«Ci sarà tanta gente, cento, duecentomila persone, non faccio previsioni». Lo ha detto il leader leghista, Matteo Salvini, intervenendo nel corso di una diretta Facebook.…

18 Ott 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Siria, Erdogan: «Le truppe turche non lasceranno il nord-est siriano»

«In base all’accordo con gli Stati Uniti, le nostre truppe non lasceranno la zona di sicurezza» concordata nel nord-est della Siria, dopo la fine delle…

18 Ott 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Spagna, Puigdemont: «Resto a disposizione della giustizia belga»

L’ex presidente della Catalogna, Carles Puigdemont, è stato rilasciato della autorità belghe, alle quali si era consegnato volontariamente, dopo che nei giorni scorsi alcuni leader…

18 Ott 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia