L’industria ancora in affanno, a luglio giù fatturato e ordini | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’industria ancora in affanno, a luglio giù fatturato e ordini

Fatturato in calo in termini congiunturali dello 0,5%, sintesi delle diminuzioni su entrambi i mercati: -0,6% per quello interno, -0,4% per quello estero

di Redazione

Nel mese di luglio, l’Istat stima per il fatturato dell’industria una diminuzione in termini congiunturali dello 0,5%. «Su base trimestrale mobile l’indice complessivo mostra una contenuta crescita (+0,3%) rispetto alla media dei tre mesi precedenti», aggiunge l’Istat.

Anche gli ordinativi registrano a luglio un calo congiunturale (-2,9%), mentre nella media degli ultimi tre mesi si rileva un modesto aumento congiunturale (+0,1%). La dinamica congiunturale negativa del fatturato -spiega l’Istat – riflette cali mensili su entrambi i mercati: -0,6% è la flessione registrata dal mercato interno e -0,4% quella rilevata per il mercato estero. Per gli ordinativi la diminuzione congiunturale deriva da una marcata contrazione delle commesse provenienti dal mercato interno (-4,2%) e da una più modesta di quelle provenienti dall’estero (-0,8%).

Con riferimento ai raggruppamenti principali di industrie, a luglio gli indici destagionalizzati del fatturato segnano aumenti congiunturali del 3,1% per l’energia e dello 0,2% per i beni di consumo; variazioni negative si rilevano per i beni intermedi (-0,3%) e per i beni strumentali (-2,4%). Corretto per gli effetti di calendario (i giorni lavorativi sono stati 23 contro i 22 di luglio 2018), il fatturato totale diminuisce in termini tendenziali dello 0,6%, con cali dello 0,8% sul mercato interno e dello 0,3% su quello estero.

Nell’ambito del comparto manufatturiero, il settore alimentare registra la crescita tendenziale più rilevante (+4,9%), mentre l’industria farmaceutica mostra il calo maggiore (-10,9%). In termini tendenziali l’indice grezzo degli ordinativi diminuisce dell’1%, sintesi di un leggero aumento sul mercato interno (+0,3%) e di un marcato calo su quello estero (-2,9%). La maggiore crescita tendenziale si registra nelle apparecchiature elettriche (+8,8%), mentre il peggior risultato si rileva nell’industria dei mezzi di trasporto (-11,9%).

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Renzi: «Voteremo un emendamento per abolire Quota 100»

«Domattina partiamo con la presentazione del Family Act, con Elena Bonetti. E spiegheremo perché secondo noi quella misura, che investe 20 miliardi in tre anni…

18 Ott 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Salvini: «Alla manifestazione contro il governo, in piazza San Giovanni, ci sarà tanta gente»

«Ci sarà tanta gente, cento, duecentomila persone, non faccio previsioni». Lo ha detto il leader leghista, Matteo Salvini, intervenendo nel corso di una diretta Facebook.…

18 Ott 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Siria, Erdogan: «Le truppe turche non lasceranno il nord-est siriano»

«In base all’accordo con gli Stati Uniti, le nostre truppe non lasceranno la zona di sicurezza» concordata nel nord-est della Siria, dopo la fine delle…

18 Ott 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Spagna, Puigdemont: «Resto a disposizione della giustizia belga»

L’ex presidente della Catalogna, Carles Puigdemont, è stato rilasciato della autorità belghe, alle quali si era consegnato volontariamente, dopo che nei giorni scorsi alcuni leader…

18 Ott 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia