La domanda interna «anello debole» della nostra economia | T-Mag | il magazine di Tecnè

La domanda interna «anello debole» della nostra economia

Lo sostiene il Centro Studi Confindustria. L’andamento dei consumi, in effetti, è altalenante e la ripresa stenta a decollare. Commercio al dettaglio: nuova flessione ad agosto

di Redazione

Se negli Stati Uniti, l’espansione economica è trainata soprattutto dai consumi, altrettanto non si può dire in Europa. Nell’Eurozona in particolare, ricorda l’Istat nell’ultima nota mensile sull’andamento dell’economia italiana, la debolezza della spesa per consumi e delle esportazioni è stata la principale causa del rallentamento del Pil nel secondo trimestre. In Italia l’andamento dei consumi è stato alquanto altalenante e in generale si osserva una ripresa che stenta a decollare.

Negli ultimi otto anni, secondo Confesercenti, il mercato interno italiano ha infatti perso 60 miliardi di euro di spesa. E ad agosto, rileva l’Istat, si stima, per le vendite al dettaglio, una diminuzione congiunturale dello 0,6% in valore e in volume. Sono in flessione sia le vendite dei beni alimentari (-0,9% in valore e -1% in volume) sia quelle dei beni non alimentari (-0,3% in valore e -0,4% in volume). Anche se, su base annua, le vendite al dettaglio registrano un aumento dello 0,7% in valore e dello 0,5% in volume. Sono in crescita sia le vendite dei beni alimentari (+1,1% in valore e +0,1% in volume), sia quelle dei beni non alimentari (+0,4% in valore e +0,8% in volume).

Nell’ultimo report sugli scenari di politica economica, il Centro Studi Confindustria osserva che in Italia l’anello debole è la domanda interna. Nello specifico, dal lato dei consumi privati, quelli delle famiglie «sono caratterizzati, già da oltre un anno, da una dinamica fiacca». In positivo, afferma il CSC, «agiscono le risorse provenienti dal Reddito di cittadinanza, ma con effetti più limitati e più ritardati rispetto a quanto inizialmente previsto che penalizzano l’uscita dei consumi dal 2019 e quindi, statisticamente, la variazione media per il 2020; e l’aumento dell’occupazione quest’anno, che contribuisce ad alimentare il reddito disponibile, ma con un effetto di breve durata, che dovrebbe quasi sparire il prossimo anno».

In negativo, conclude il Centro Studi Confindustria, pesa l’aumento della propensione al risparmio, legato all’accresciuto motivo precauzionale. «L’erosione del reddito disponibile nel 2020, a causa della riduzione dei redditi da interessi e di quelli derivanti dalla distribuzione dei profitti delle imprese; il già ricordato aumento delle aliquote IVA e delle accise, che erodono il potere di acquisto delle famiglie».

 

Scrivi una replica

News

Ocse: «C’è un miglioramento, ma la ripresa resta fragile»

«C’è un miglioramento, ma la ripresa rimane fragile». Questo, in sostanza, sostiene l’OCSE, diffondendo il super-indice, che anticipa le tendenze economiche in un orizzonte di…

9 Lug 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Autostrade, Conte: «Il caso si trascina da troppo tempo»

Il caso Autostrade «si trascina da troppo tempo, ma la procedura di revoca è stata avviata e ci sono tutti i presupposti per realizzarla, perché…

9 Lug 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dl Rilancio, via libera della Camera

La Camera ha dato il via libera al decreto Rilancio. I voti a favore sono stati 278, quelli contrari 187. Un deputato si è astenuto…

9 Lug 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia: «A maggio prestiti a famiglie e imprese in aumento»

Continuano a crescere i prestiti a famiglie e imprese. Lo rende noto la Banca d’Italia. A maggio, i prestiti alle famiglie sono aumentati dell’1,3% su…

9 Lug 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia