Commercio con l’estero, export fermo ad agosto | T-Mag | il magazine di Tecnè

Commercio con l’estero, export fermo ad agosto

Ma in termini tendenziali si registra un calo del 3,4%, dovuta alla contrazione delle vendite sia per l’area UE sia, in misura minore, per quella extra UE

di Redazione

Ad agosto 2019 l’export è stazionario rispetto al mese precedente, sintesi di un moderato andamento positivo per l’area extra UE (+0,6%) e negativo per quella UE (-0,4%). Le importazioni registrano una crescita congiunturale (+1,8%) da ascrivere all’incremento degli acquisti dall’area UE. Così l’Istat nel report sul commercio estero relativo al mese di agosto.

Nel trimestre giugno-agosto 2019, rispetto al precedente, prosegue l’Istat, si rileva un contenuto aumento per le esportazioni (+0,4%) e una riduzione delle importazioni (-0,9%). Ad agosto 2019 la flessione dell’export su base annua, pari a -3,4%, è dovuta al calo delle vendite registrato sia per l’area UE (-5,2%) sia, in misura minore, per quella extra UE (-1,4%). Analogamente le importazioni sono in diminuzione (-4,1%) sia dai mercati extra Ue (-6,2%) sia dall’area Ue (-2,4%).

Tra i settori che contribuiscono alla flessione tendenziale dell’export si segnalano macchinari e apparecchi n.c.a. (-7,8%), autoveicoli (-24%) e apparecchi elettrici (-16,3%); mentre nello stesso mese contribuiscono positivamente gli articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici (+32,0%), i prodotti alimentari, bevande e tabacco (+3,7%) e gli articoli di abbigliamento, anche in pelle e pelliccia (+3,8%).

Su base annua, i paesi che contribuiscono maggiormente alla diminuzione delle esportazioni sono Germania (-7,5%), Francia (-5,9%), paesi OPEC (-10,7%) e Spagna (-9,0%), mentre si registra un aumento delle vendite verso Svizzera (+24,9%) e Giappone (+9,9%).

Nei primi otto mesi del 2019, l’aumento su base annua dell’export (+2,6%) è determinato principalmente dalle vendite di articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici (+28,3%), prodotti alimentari, bevande e tabacco (+7,5%) e prodotti tessili e dell’abbigliamento, pelli e accessori (+7,0%).

Si stima che il surplus commerciale aumenti di 94 milioni di euro (da +2.491 milioni ad agosto 2018 a +2.585 milioni ad agosto 2019). Nei primi otto mesi dell’anno l’avanzo commerciale raggiunge +32.282 milioni (+59.112 milioni al netto dei prodotti energetici). L’indice dei prezzi all’importazione diminuisce dello 0,7% in termini congiunturali e del 2,5% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Conte: «Ci sono le condizioni per proseguire lo stato d’emergenza dopo il 31 luglio»

«Ragionevolmente, ci sono le condizioni per proseguire lo stato di emergenza per il coronavirus dopo il 31 luglio». Lo ha detto il presidente del Consiglio,…

10 Lug 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, la presidente ad interim della Bolivia è risultata positiva

La situazione continua ad essere preoccupante in America Latina e la presidente ad interim della Bolivia, Jeanine Anez, ha annunciato di essere risultata positiva ad…

10 Lug 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Sud, trovato morto il sindaco di Seul

Un biglietto di scuse e di ringraziamento «a tutti coloro che hanno fatto parte della mia vita» è stato trovato nella residenza del sindaco di…

10 Lug 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia: «Nel 2020 il Pil italiano dovrebbe contrarsi del 9,5%»

Nel 2020, il Prodotto interno lordo italiano dovrebbe contrarsi del 9,5%, «in uno scenario di base, in cui si presuppone che la diffusione della pandemia…

10 Lug 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia