Prosegue la fase stagnante della nostra economia (anche nel 2020) | T-Mag | il magazine di Tecnè

Prosegue la fase stagnante della nostra economia (anche nel 2020)

La Commissione europea taglia le stime di crescita, ultima posizione per l’Italia quest’anno e il prossimo

di Redazione

L’Istat ci aveva avvertiti già qualche giorno fa nella nota di ottobre: «È proseguita la tendenza alla stabilizzazione dell’indicatore anticipatore che è rimasto compatibile con uno scenario di mantenimento degli attuali livelli produttivi», che, tradotto, equivale a registrare un prolungamento della fase stagnante della nostra economia. Che a quanto pare, stando alle stime della Commissione europea, proseguirà ancora nel 2020, con la crescita che è attesa dello 0,4%, di poco sopra lo 0,1% di quest’anno.

C’è da dire che in generale Bruxelles ha tagliato le stime un po’ per tutti i paesi dell’UE. L’aggravante, per l’Italia, è che occupiamo l’ultima posizione, sia nel 2018 sia nel 2019. I paesi che quest’anno crescerannodi più sono Irlanda (+5,6%) e Malta (+5%). Non se la passa troppo bene, invece,  la Germania, +0,4%. Nel complesso i fattori di incertezza osservati negli ultimi tempi (rallentamento degli scambi commerciali, Brexit, tensioni geopolitiche) proseguiranno a condizionare le dinamiche ancora nei prossimi mesi.

Nel 2020, la Germania dovrebbe crescere dell’1%, la Francia dell’1,3% (allo stesso ritmo del 2019), la Spagna dell’1,5%, il Portogallo dell’1,7% e la Grecia del 2,3%. Per quanto riguarda il nostro paese, la Commissione ritiene la modesta crescita del prossimo anno sarà trainata dalla domanda esterna e dalla spesa  delle famiglie, che però sarà attenuata dal mercato del lavoro in deterioramento.

E non è tutto: Bruxelles ha delle riserve anche sulla manovra economica, sulle coperture e in particolare quelle anti-evasione. L’esecutivo UE ha poi visto al rialzo il debito italiano che nel 2019 salirà al 136,2% e nel 2020 a 136,8%. Le stime di primavera lo davano a 133,7% e 135,2%: «Le cause principali sono debole crescita del Pil nominale, deterioramento dell’avanzo primario e costo in aumento delle misure passate, cioè reddito di cittadinanza e quota 100. Le stesse misure sono la causa anche del peggioramento del deficit che dal 2,2% del 2019 passerà al 2,3% l’anno prossimo».

 

Scrivi una replica

News

Fisco, accordo governo-sindacati sul taglio del cuneo per i lavoratori dipendenti

In occasione di una delle prossime riunioni del Consiglio dei ministri, sarà approvato il provvedimento di legge che prevede, dal 1° luglio 2020, di tagliare…

17 Gen 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cultura, il 25 marzo sarà la giornata nazionale dedicata a Dante

Il 25 marzo sarà la giornata nazionale dedicata a Dante Alighieri. A deciderlo è stato il Consiglio dei ministri su proposta del ministro per i…

17 Gen 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Caso Gregoretti, il 20 gennaio voto sull’autorizzazione a procedere nei confronti di Salvini

Il 20 gennaio un evento monopolizzerà la giornata: il voto della Giunta per le immunità del Senato che dovrà concedere (o meno) l’autorizzazione a procedere…

17 Gen 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Venezuela, il Guatemala interrompe le relazioni

Alejandro Giammattei, nuovo presidente del Guatemala, ha deciso di interrompere le relazioni con il Venezuela di Nicolas Maduro. Giammattei ha comunicato la sua scelta, per…

17 Gen 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia