Prosegue la fase stagnante della nostra economia (anche nel 2020) | T-Mag | il magazine di Tecnè

Prosegue la fase stagnante della nostra economia (anche nel 2020)

La Commissione europea taglia le stime di crescita, ultima posizione per l’Italia quest’anno e il prossimo

di Redazione

L’Istat ci aveva avvertiti già qualche giorno fa nella nota di ottobre: «È proseguita la tendenza alla stabilizzazione dell’indicatore anticipatore che è rimasto compatibile con uno scenario di mantenimento degli attuali livelli produttivi», che, tradotto, equivale a registrare un prolungamento della fase stagnante della nostra economia. Che a quanto pare, stando alle stime della Commissione europea, proseguirà ancora nel 2020, con la crescita che è attesa dello 0,4%, di poco sopra lo 0,1% di quest’anno.

C’è da dire che in generale Bruxelles ha tagliato le stime un po’ per tutti i paesi dell’UE. L’aggravante, per l’Italia, è che occupiamo l’ultima posizione, sia nel 2018 sia nel 2019. I paesi che quest’anno crescerannodi più sono Irlanda (+5,6%) e Malta (+5%). Non se la passa troppo bene, invece,  la Germania, +0,4%. Nel complesso i fattori di incertezza osservati negli ultimi tempi (rallentamento degli scambi commerciali, Brexit, tensioni geopolitiche) proseguiranno a condizionare le dinamiche ancora nei prossimi mesi.

Nel 2020, la Germania dovrebbe crescere dell’1%, la Francia dell’1,3% (allo stesso ritmo del 2019), la Spagna dell’1,5%, il Portogallo dell’1,7% e la Grecia del 2,3%. Per quanto riguarda il nostro paese, la Commissione ritiene la modesta crescita del prossimo anno sarà trainata dalla domanda esterna e dalla spesa  delle famiglie, che però sarà attenuata dal mercato del lavoro in deterioramento.

E non è tutto: Bruxelles ha delle riserve anche sulla manovra economica, sulle coperture e in particolare quelle anti-evasione. L’esecutivo UE ha poi visto al rialzo il debito italiano che nel 2019 salirà al 136,2% e nel 2020 a 136,8%. Le stime di primavera lo davano a 133,7% e 135,2%: «Le cause principali sono debole crescita del Pil nominale, deterioramento dell’avanzo primario e costo in aumento delle misure passate, cioè reddito di cittadinanza e quota 100. Le stesse misure sono la causa anche del peggioramento del deficit che dal 2,2% del 2019 passerà al 2,3% l’anno prossimo».

 

Scrivi una replica

News

Camera approva decreto ministeri

La Camera ha confermato la fiducia al governo sul dl ministeri. I voti favorevoli sono stati 311, mentre i contrari 209.…

18 Nov 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Tusk unico candidato alla presidenza del Ppe

Il presidente uscente del Consiglio Europeo, Donald Tusk è l’unico candidato alla presidenza del Ppe, che verrà decisa mercoledì 20 novembre, in occasione del congresso…

18 Nov 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Berlino: «Aumenta la spesa per la difesa e la sicurezza»

La Nato ha reso noto che Berlino è pronta ad aumentare le risorse destinate alla difesa e alla sicurezza. Infatti il ministero della Difesa ha…

18 Nov 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Iran: «Situazione più calma»

«La situazione è più calma dopo le proteste avvenute nel fine settimana contro il caro benzina». Lo ha affermato il portavoce del governo dell’Iran, Ali…

18 Nov 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia