Donne e media, la sottile linea rossa della discriminazione di genere | T-Mag | il magazine di Tecnè

Donne e media, la sottile linea rossa della discriminazione di genere

I risultati del sondaggio Tecnè per l’Agenzia Dire: le donne dovrebbero stare a casa per un italiano su cinque. Per quasi 15 milioni di italiani, le donne sono ancora oggi meno valorizzate nel mondo dell’informazione

di Redazione

Donne e media: un binomio da esplorare, che si interseca tra comportamenti discriminatori purtroppo ancora osservabili nonostante condizioni lavorative e professionali, almeno in teoria, oggi più favorevoli. Uno scenario che include tanto il ruolo specifico delle donne – ad esempio nei dibattiti televisivi o sui giornali – quanto l’immaginario collettivo, talvolta ancorato ai vecchi stereotipi che persistono in alcuni segmenti sociali e che risultano refrattari ai nuovi modelli culturali. In generale appaiono meno discriminanti i trattamenti riservati a uomini e donne nel mondo del lavoro, anche se i punti di vista tra le due componenti non sempre coincidono. Le donne vengono oggi percepite, in un quadro generale, più presenti in tv o sui giornali che si occupano di temi politici ed economici e si ritiene, inoltre, che abbiano nei dibattiti televisivi lo stesso spazio e ruolo degli uomini, così come in politica. Eppure una lettura attenta delle opinioni mette in luce un senso ancora abbastanza diffuso di disagio e la convinzione tra le donne di essere più penalizzate in questi ambiti di quanto non avvenga nell’universo maschile: è quanto emerge dal Rapporto di ricerca Donne e media: la sottile linea rossa della discriminazione di genere dell’istituto Tecnè in collaborazione con l’Agenzia Dire. E non è tutto. Sebbene il 78,2% del campione intervistato da Tecnè affermi di non condividere l’idea che le donne dovrebbero stare a casa per potersi prendere cura della famiglia, i fatti restituiscono un’immagine di segno opposto.Le donne lavorano nel complesso molto più degli uomini, perché alle ore dedicate alla professione vanno sommate, appunto, quelle destinate alle cure per la casa e per i figli. Il tempo necessario per svolgere le mansioni familiari è pari, nel giorno medio, a 6 ore e 15 minuti, ma sono di gran lunga le donne a occuparsene, a fronte di un impegno decisamente inferiore tra gli uomini.

DONNE E MEDIA - 1

La cura della casa e dei figli, dunque, resta a tutt’oggi appannaggio delle donne. Nell’81,9% dei casi, infatti, è la madre a prendersi carico di tutto ciò. Il padre lo fa nel 6,8% dei casi appena e la percentuale della componente femminile cresce all’aumentare della fascia di età: dal 73,3% delle 18-34enni si arriva al 90,6% delle over 65, passando per una quota che si aggira attorno all’80% nel pieno dell’età lavorativa, mentre diminuisce tra chi ha titoli di studio più elevati (8,6%). La ripartizione del tempo dedicato al lavoro familiare nelle coppie con figli ed entrambi i genitori occupati full time riguarda, si legge nel rapporto Tecnè, il 65,1% delle donne e il 34,9% degli uomini. In definitiva quasi un italiano su cinque (19,1%) pensa che le donne dovrebbero stare a casa per prendersi cura della famiglia, un dato piuttosto omogeneo da Nord a Sud.

DONNE E RETRIBUZIONI
A parità di condizioni e ruolo, uomini e donne dimostrano di avere idee diverse sul trattamento che viene loro riservato in ambito lavorativo. Per quanto riguarda il gender pay gap (divario retributivo di genere), il 56% degli intervistati ritiene che le donne guadagnino più o meno uguale agli uomini, ma se tale covinzione risulta più marcata tra gli uomini (69,9%), tra le donne è il 43,2% a pensarla allo stesso modo, mentre il 54,6% è convinto che guadagnino effettivamente di meno. Leggermente più coerenti sono le opinioni relative alla presenza delle donne nei dibattiti che si svolgono in tv o sui giornali e che trattano temi politici ed economici. Anche qui, però, a fronte di un 65,9% che afferma che le donne sono sufficientemente presenti, la discrepanza tra le due componenti è di circa 10 punti (71,4% a 60,9%). Ancora più netta la differenza di vedute su ruolo e spazio occupato nei dibattiti televisivi: se per il 53,1% delle donne è lo stesso degli uomini (risponde negativamente il 44,5% del segmento), tra gli uomini la quota di quanti ritengono sia così sale addirittura al 76,1%.

LE DONNE NEI MEDIA
Le donne che lavorano nell’informazione, giornaliste o conduttrici, ritengono, non a caso, di avere ruoli analoghi a quelli degli uomini solo nel 51,2% dei casi, ma questi ultimi si dicono più convinti (76,1%) di una maggiore parità. Le donne, poi, sostengono di avere una capacità di pensare e leggere la realtà con specificità diverse dagli uomini (75,7%), ma questi ultimi sembrano condividere meno tale possibilità: è d’accordo il 59,6%. In modo analogo, inoltre, le donne impegnate nell’ambito dell’informazione (41,8%) sostengono più degli uomini (24,5%) di essere penalizzate.

LE DONNE IN POLITICA
In politica, infine, i diversi punti di vista emergono in maniera più marcata. In questo contesto, infatti, le donne sostengono nel 46,8% dei casi di essere penalizzate rispetto agli uomini (il 46,9%, però, afferma di “no”), ma quasi il 70% degli uomini è di tutt’altro avviso. Anche sull’impatto che le donne avrebbero in politica le opinioni sono discordanti e in alcune voci non di poco. In generale il 49,6% degli intervistati non crede che la politica sarebbe migliore se ci fossero più donne con ruoli importanti, ma la percentuale tra gli uomini sale al 64,2%. Un complessivo 40%, al contrario, ritiene che sì, la politica sarebbe migliore. Le donne lo pensano nel 58,3% dei casi, ma tra gli uomini è d’accordo appena il 20% del campione. Oltre 38 punti di distanza.

NOTA METODOLOGICA
Campione rappresentativo della popolazione residente in Italia di 18 anni e oltre articolato per genere, età, area geografica, titolo di studio
Estensione territoriale: territorio nazionale
Numerosità del campione: 2.000 casi
Metodo di tilevazione: Cati – Cami – Cawi
Margine di errore: +/- 2,2% a livello complessivo
Data di effettuazione delle interviste: 28 novembre – 2 dicembre 2019
Committente: Dire – Agenzia di Stampa Nazionale

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, si aggrava il bilancio: 106 i morti

Si aggrava il bilancio delle vittime provocate dal coronavirus. Infatti, ora i morti sono 106.…

28 Gen 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Il referendum sul taglio dei parlamentari si terrà il 29 marzo

Il referendum sul taglio dei parlamentari si terrà il 29 marzo. Lo ha reso noto Palazzo Chigi. «Non vedo nessun nesso con l’azione dell’esecutivo, non…

28 Gen 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, primo caso in Germania

Il ministero della salute della Germania ha reso noto che nello stato sudorientale della Baviera c’è un primo caso di coronavirus cinese. Il paziente è…

28 Gen 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bce: «Ci sono timori su alcuni casi di gestione delle banche»

«La Bce mantiene stabili i requisiti e gli orientamenti di capitale complessivi in termini di capitale CET1 al 10,6% ma lancia l’allarme per alcuni casi di gestione e…

28 Gen 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia