Lavoro: disoccupazione stabile, cresce il numero degli occupati | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro: disoccupazione stabile, cresce il numero degli occupati

A novembre il tasso di occupazione sale al 59,4%. Nell’anno, spiega l’Istat, l’aumento è trainato dai dipendenti (+325 mila unità nel complesso) e in particolare dai permanenti (+283 mila), mentre calano gli indipendenti (-41 mila)

di Redazione

Segnali incoraggianti dal mercato del lavoro. A novembre 2019, registra l’Istat, gli occupati crescono di 41 mila unità rispetto al mese precedente (+0,2%), con un tasso di occupazione che sale al 59,4% (+0,1 punti percentuali). L’andamento dell’occupazione è sintesi di un aumento della componente femminile (+0,3%, pari a +35 mila) e di una sostanziale stabilità di quella maschile. Gli occupati crescono tra i 25-34enni e gli ultracinquantenni, mentre calano nelle altre classi d’età; al contempo, aumentano i dipendenti permanenti (+67 mila) a fronte di una diminuzione sia dei dipendenti a termine (-4 mila) sia degli indipendenti (-22 mila).

In crescita risultano anche le persone in cerca di lavoro (+0,5%, pari a +12 mila unità nell’ultimo mese). L’andamento della disoccupazione è sintesi di un aumento per gli uomini (+1,2%, pari a +15 mila unità) e di una lieve diminuzione tra la donne (-0,2%, pari a -3 mila unità); crescono i disoccupati under 35, diminuiscono lievemente i 35-49enni e risultano stabili gli ultracinquantenni. Il tasso di disoccupazione risulta comunque stabile al 9,7%.

La stima complessiva degli inattivi tra i 15 e i 64 anni a novembre è in calo rispetto al mese precedente (-0,6%, pari a -72 mila unità), e la diminuzione riguarda entrambe le componenti di genere. Il tasso di inattività scende al 34,0% (-0,2 punti percentuali).

Anche nel confronto tra il trimestre settembre-novembre e quello precedente, l’occupazione risulta in crescita, seppure lieve (+0,1%, pari a +18 mila unità), con un aumento che si distribuisce tra entrambi i sessi. Nello stesso periodo aumentano sia i dipendenti a termine sia i permanenti (+62 mila nel complesso), mentre risultano in calo gli indipendenti (-0,8%, -43 mila); inoltre, si registrano segnali positivi per i 25-34enni e per gli over 50, negativi nelle altre classi.

Gli andamenti mensili si confermano nel trimestre anche per le persone in cerca di occupazione, che aumentano dello 0,3% (+7 mila), e per gli inattivi tra i 15 e i 64 anni, in diminuzione dello 0,4% (-59 mila).

Su base annua l’occupazione risulta in crescita (+1,2%, pari a +285 mila unità), l’espansione riguarda sia le donne sia gli uomini di tutte le classi d’età, tranne i 35-49enni. Tuttavia, al netto della componente demografica la variazione è positiva per tutte le classi di età. La crescita nell’anno è trainata dai dipendenti (+325 mila unità nel complesso) e in particolare dai permanenti (+283 mila), mentre calano gli indipendenti (-41 mila).

Nell’arco dei dodici mesi, l’aumento degli occupati si accompagna a un calo sia dei disoccupati (-7,1%, pari a -194 mila unità) sia degli inattivi tra i 15 e i 64 anni (-1,5%, pari a -203 mila).

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Commercio, Trump: «Stati Uniti pronti a firmare un accordo con il Regno Unito»

«Gli Stati Uniti sono pronti a firmare un grande accordo commerciale con la Gran Bretagna, dove c’è un ottimo primo ministro». Lo ha detto il…

21 Gen 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cultura, è morto il filosofo Emanuele Severino: aveva 90 anni

Emanuele Severino, considerato tra i più grandi filosofi contemporanei, è morto il 17 gennaio, a Brescia. La notizia della sua morte è stata resa nota…

21 Gen 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Terrorismo, identificato il nuovo leader del gruppo Stato islamico

Secondo quanto riferito dal Guardian, l’intelligence occidentale avrebbe identificato il nuovo leader dell’Isis, il “califfo” Abu Ibrahim. Si tratterebbe di Amir Mohammed Abdul Rahman al-Mawli…

21 Gen 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, Trump: «Conclusi accordi commerciali straordinari con Cina, Messico e Canada»

«Abbiamo concluso accordi straordinari sul commercio con la Cina da una parte, e Messico e Canada dall’altra, i migliori accordi di sempre». Lo ha detto…

21 Gen 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia