Verso le elezioni regionali in Emilia Romagna | T-Mag | il magazine di Tecnè

Verso le elezioni regionali in Emilia Romagna

Bonaccini (centrosinistra) avanti di appena un punto su Borgonzoni (centrodestra), staccato Bernini (M5s). Il sondaggio Tecnè-Agenzia Dire

di Redazione

Stefano Bonaccini, candidato del centrosinistra in Emilia Romagna e attuale presidente di Regione (si vota il 26 gennaio), risulta essere leggermente avanti sia nelle intenzioni di voto sia nei giudizi rispetto alla candidata del centrodestra, Lucia Borgonzoni. È quanto emerge da un sondaggio Tecnè per l’Agenzia Dire. Se si votasse oggi, infatti, il 44% si esprimerebbe a favore di Bonaccini, con Borgonzoni ad un passo, al 43%, mentre più staccato è Simone Bernini, candidato del M5s, fermo al 7,5% (astensione/incerti: 41,5%). Tuttavia potrebbero incidere le intenzioni di voto alle liste collegate ai candidati presidenti, con il centrodestra stimato al 44% e il centrosinistra al 42,5% (astensione/incerti: 42,5%).

SONDAGGIO EMILIA ROMAGNA

Risulta più positivo, si diceva già all’inizio, il giudizio nei confronti dell’attuale presidente di Regione (39%) rispetto a Borgonzoni (31%). Anche in questo caso, Bernini è distanziato, ottenendo un giudizio positivo dall’8% degli intervistati. Marta Collet di Potere al Popolo si attesta al 3%.

La presenza dei leader nazionali a sostegno dei candidati presidente rappresenta un vantaggio soprattutto per Borgonzoni: si esprime in questi termini l’88% tra i suoi elettori (il 54% nel complesso) contro il 60% tra gli elettori di Bonaccini (il 31% nel complesso).

Quali temi potrebbero far cambiare la scelta del candidato presidente? Da Bonaccini a Borgonzoni se quest’ultima fosse più convincente su lavoro (35%), tasse (27%) e sviluppo economico (18%; altri temi 4%, mentre il 16% degli intervistati risponde in nessun caso). Il percorso inverso potrebbe avvenire se Bonaccini fosse invece più convincente su tasse (35%), lavoro (23%), sicurezza (22%; altri temi 7%, in nessun caso il 13%). Soprattutto sviluppo economico e sicurezza, dunque, potrebbero essere i temi in grado di cambiare le carte in tavola.

Tecnè ha poi sondato gli umori dei cittadini dell’Emilia Romagna sulla qualità della vita. Il 72% ha un giudizio positivo, con un 15% che si dice molto soddisfatto e il 57% abbastanza soddisfatto. Rispetto ad un anno fa, la qualità della vita è rimasta invariata per il 64%, mentre è migliorata molto per il 4% e abbastanza per il 5%. La situazione economica della propria famiglia risulta invariata per il 70%, molto o abbastanza migliorata per l’8%. Tra le priorità da risolvere viene indicata al primo posto la mancanza e la precarietà del lavoro (37%), le tasse troppo elevate (22%), gli stipendi /pensioni troppo basse (13%), la crisi economica (9%), l’inefficienza della politica (4%), la sicurezza personale (3%), inefficienza della Pubblica amministrazione (3%), immigrazione (2%), inefficienza del sistema sanitario (2%).

NOTA METODOLOGICA
Campione di 1.000 casi, rappresentativo della popolazione maggiorenne residente in emilia romagna, articolato per sesso, età, provincia Estensione territoriale: intero territorio regionale
Interviste effettuate il 30-31 dicembre 2019 con metodo Cati – Cawi
Totale contatti: 4.819 (100%) rispondenti: 1.000 (20,8%) rifiuti/sostituzioni: 3.819 (79,2%)
Margine di errore +-3,1%
Soggetto che ha realizzato il sondaggio: Tecnè srl
Committente: Agenzia Dire
Il documento completo sul sito: sondaggipoliticoelettorali.it

 

Scrivi una replica

News

Commercio, Trump: «Stati Uniti pronti a firmare un accordo con il Regno Unito»

«Gli Stati Uniti sono pronti a firmare un grande accordo commerciale con la Gran Bretagna, dove c’è un ottimo primo ministro». Lo ha detto il…

21 Gen 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cultura, è morto il filosofo Emanuele Severino: aveva 90 anni

Emanuele Severino, considerato tra i più grandi filosofi contemporanei, è morto il 17 gennaio, a Brescia. La notizia della sua morte è stata resa nota…

21 Gen 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Terrorismo, identificato il nuovo leader del gruppo Stato islamico

Secondo quanto riferito dal Guardian, l’intelligence occidentale avrebbe identificato il nuovo leader dell’Isis, il “califfo” Abu Ibrahim. Si tratterebbe di Amir Mohammed Abdul Rahman al-Mawli…

21 Gen 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, Trump: «Conclusi accordi commerciali straordinari con Cina, Messico e Canada»

«Abbiamo concluso accordi straordinari sul commercio con la Cina da una parte, e Messico e Canada dall’altra, i migliori accordi di sempre». Lo ha detto…

21 Gen 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia